Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il trucco gesuita per guarire le ferite del passato

WOMAN,HIKING,MOUNTAINS
Condividi

Questa guida pratica in 5 passi di Sant'Ignazio può aprire la strada alla guarigione...

Cercare illuminazione

Con questo, Sant’Ignazio significa che dovremmo ampliare la nostra prospettiva. È fin troppo semplice concentrarsi sulle ferite del passato e permettere loro di forgiare la nostra identità, che è il motivo per il quale quel peso nel corso del tempo fa isolare. È estremamente utile vederci con occhi nuovi. Ignazio pensava in particolare a cercare una prospettiva divina, ma è anche positivo cercare il sostegno di amici e familiari.

Rendere grazie

Quando sono ansioso o soffro, la mia mente si concentra costantemente sulle mie preoccupazioni, il che non fa altro che aumentare il dolore. Gli psicologi concordano con Sant’Ignazio sul fatto che per spezzare un ciclo mentale negativo è importante concentrarsi sulle esperienze positive. Ciò non cancellerà il dolore, ma offrirà uno spazio di “respiro emotivo” assai necessario.

Conoscere le proprie emozioni

Guardate la situazione in modo onesto, considerando quali ferite si possono essere accumulate e quali ferite del passato sono ancora pendenti. Spesso alla fine della giornata mi prendo del tempo per riflettere e considerare onestamente a che punto mi trovo, chiedendomi quali emozioni sto sperimentando e identificandone la fonte. Le emozioni forti significano che devo approfondire un po’ cosa sta accadendo nella mia anima. Gli psicologi concordano sul fatto che è fondamentale effettuare questa revisione, identificare le emozioni e lavorare per comprenderle.

Essere responsabili

È difficile, ma indipendentemente da chi mi ha ferito non posso usarlo come scusa per i miei errori. Uno dei passi verso la guarigione è spezzare il ciclo del comportarsi male. Anche se sono influenzato negativamente dalle ferite del passato, non posso permettere che la negatività saturi il resto della mia vita e controlli il mio comportamento. Quando ci assumiamo la responsabilità delle nostre azioni, questo ci permette di compiere scelte positive per il futuro.

Essere pronti per domani

Non dobbiamo rimanere per sempre schiavi del nostro passato, e il futuro è luminoso per qualsiasi persona indipendentemente dalle esperienze che ci hanno portato dove siamo oggi. Sant’Ignazio avverte che ogni giorno possiamo decidere di essere la migliore versione possibile di noi stessi.

Nel corso della sua vita, Sant’Ignazio ha scoperto che le sue meditazioni erano un modo efficace per lasciarsi alle spalle il passato e progredire per diventare il tipo di persona che voleva essere. La sua influenza continua ad essere ampiamente sentita anche oggi, con persone di tutti i percorsi di vita che usano i suoi metodi pratici per progredire nella conoscenza di sé, comprendere le proprie emozioni e trovare la guarigione.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni