Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconFor Her
line break icon

“Beata te che non lavori!”, recita il nuovo ritornello moralista

SOAP BUBBLES MOM AND SON

Pixabay

MIENMIUAIF - MIA MOGLIE ED IO - pubblicato il 30/07/18

Dalla libertà di lavorare all'obbligo morale di farlo: nuovi impietosi moralismi si infrangono contro il muro del solito, instancabile amore di Dio. Che non è un moralista

Lettere a una moglie 2 di Giuseppe Signorin

Dal diritto di lavorare fuori casa al dovere di farlo il passo è stato breve, amore mio. Ho letto l’ennesimo post su Facebook di una giovane mamma, forse casalinga, rattristata dal fatto che le sue amiche la trattino come una “privilegiata” perché sta a casa ad accudire i figli e quindi non lavora. Tipica trappola psicologica che fa sentire in colpa chi ha figli e decide di rimanere a casa, come se prendersi cura di casa e figli non potesse essere un lavoro. «Beata te che non lavori…». Certo, non è solo un lavoro, è molto di più, ma non penso sia questo che intendono le zitelle – magari sposate, magari plurimamme, sicuramente emancipatissime, ma comunque zitelle dentro – che se ne escono con espressioni del tipo «beata te che non lavori…».




Leggi anche:
Fare la mamma è davvero il mestiere più duro del mondo?

Lo dicono pure alle nostre amiche monache, «beate voi che siete monache…», vorrei vederle a fare la vita che fanno le nostre amiche monache… Monache a parte, non sto insinuando che sia sbagliato lavorare fuori casa, ma la libertà, anche psicologica, dev’essere a doppio senso. Decenni di lotte per combattere un sistema e diventare come i peggio moralisti, che ti fanno sentire male se non fai quello che qualcun altro gli ha messo in testa. Succede per il lavoro, ma non solo. Se una volta, si narra, ti “facevano la morale” perché ci si doveva sposare presto, fare tanti figli, non convivere, non avere rapporti prematrimoniali… oggi è tutto ribaltato.

Ho sentito spesso discorsi moralistici sul fatto che ci si deve sposare solo dopo aver provato più di un “compagno” (tipico gergo comunista ihih), dopo aver passato un po’ di anni nella stessa casa, che non bisogna fare più di un tot di figli se no si è irresponsabili e bla bla bla. La lotta al moralismo è sfociata in un moralismo ancora peggiore. I nuovi moralisti sono attorno a noi, ma si sentono meglio, parafrasando un’ormai vecchia canzone di Frankie Hi-NRG MC, o come si scrive. Puntano il ditino e si sentono tolleranti e liberi. Più acidi dei vecchi moralisti.


DONNA CUCINA POP ART

Leggi anche:
“Era meglio quando le donne stavano a casa”…si può ancora dire?

Ma grazie a Dio, Dio ci ama sempre. Dio ci ama senza moralismo. Anche quando vuole che cambiamo. Vuole che cambiamo perché ci ama, non per moralismo, non per puntare il ditino. Dio ci ama tutti. Ama anche le zitelle dentro di cui sopra, non come me che faccio una fatica sovrumana a separare le zitelle dentro dallo “zitellismo dentro”. Ama i nuovi moralisti. Ama addirittura tuo marito, che è peggio di loro e solo raramente ha la grazia di sentirsi tale. Dio ama tutti e ci ama sempre, amore mio. Anche quando sembra non esserci via di uscita, come in questi tempi bui. Come in questa notte oscura del mondo, per parafrasare san Giovanni della Croce oltre a Frankie Hi-NRG MC, o come si scrive. Juan de Yepes Álvarez, il doctor mysticus, il tuo santo patrono 2018, che abbiamo cercato di omaggiare nella nostra ultima canzone, , in cui hai sfoggiato dopo anni la tua loop station, creando una base molto cool. Che Dio ci doni il Suo amore. Yo. Ti amo.

QUI IL LINK ALL’ORIGINALE

Tags:
ideologiamaternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni