Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconFor Her
line break icon

Noi, donne egiziane, facciamo i salti mortali per essere rispettate (VIDEO)

PARKOUR EGYPT

Instagram I Parkour Egypt

Annalisa Teggi - pubblicato il 27/07/18

L’allenamento richiesto è molto impegnativo, richiede doti di flessibilità, forza, capacità di adattamento, spinta. Il punto di arrivo è lo spettacolo di giovani donne che si destreggiano con acrobazie dentro la città, saltano barriere, fanno capriole, superano muri: roba dell’altro mondo per la cultura egiziana.
«È naturale che la gente non lo accetti, – dice la giovane Zayneb Helal – alle ragazze è impedito fare sport, figuriamoci farne uno che si pratica per strada» (da Global Mail)

Sì, è un’immagine forte vedere queste ragazze che fanno acrobazie per le strade del Cairo: innanzitutto perché al centro della scena c’è il loro corpo, un corpo per nulla indifeso, anzi capace di essere protagonista della scena e di relazionarsi con grinta elastica di fronte agli ostacoli. In più, il messaggio non è per nulla violento; non si tratta infatti di demolire tutto ciò che impedisce il cammino, ma fare di ogni blocco uno slancio creativo.

Oltre il muro, non muro contro muro

In molti casi la tentazione di certi movimenti femministi è quello di rispondere con aggressione alle aggressioni, indossando una maschera che sfigura la parte davvero più forte della donna: la malleabilità, una disposizione vigorosa al cambiamento, una propensione alla crescita attraverso trasformazioni coraggiose.
L’esempio di queste intraprendenti ragazze egiziane è un grande monito di civiltà per il loro paese, che ha urgente bisogno di mettere al centro del dibattito politico la dignità e il rispetto per le donne. Ampliando l’orizzonte, può essere anche un invito di condotta per tutte noi: la logica dello scontro è sterile, il muro contro muro finisce in un sacco di macerie; proviamo ad allenarci a guardare ogni ostacolo con l’occhio dell’acrobata che ne fa un’avventura positiva.

  • 1
  • 2
Tags:
diritti umanidonneegitto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni