Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Noi, donne egiziane, facciamo i salti mortali per essere rispettate (VIDEO)

PARKOUR EGYPT
Condividi

Il Cairo è la città più pericolosa al mondo per le donne: un gruppo di ragazze propone il parkour come messaggio di forza, dignità e coraggio

«Ogni donna egiziana passa tutta la vita a difendersi dalle violenze» racconta una 24enne di nome Nour allo Spiegel. Quasi il 99% della popolazione femminile ne è vittima, molte ragazze raccontano episodi accaduti addirittura prima dell’età scolastica.

Non è un paese per donne

Il Cairo è la città più pericolosa al mondo per le donne. Non servono i proclami ufficiali, come quello fatto da Al Sisi che aveva indetto per il 2017 un «Anno della donna»; non basta il timore della pena, in Egitto la condanna per molestia sessuale è sia pecuniaria (circa 2.400 euro), sia carceraria (dai 6 mesi ai 5 anni).

Le vittime che hanno il coraggio di raccontare le proprie drammatiche storie riferiscono sempre di essere state aggredite in luoghi pubblici nell’indifferenza generale.

«Non c’è nessuno stigma verso l’uomo che assale – afferma Mozn Hassan, leader nella difesa dei diritti delle donne egiziane – viviamo in una cultura di violenza sessuale. La nostra società tollera la mancanza di rispetto verso le donne». (Spiegel)

Tra le violenze va annoverata anche la pratica della mutilazione genitale, subita dal 85% delle ragazze nonostante sia ufficialmente condannata dalla legge.

Ma in Egitto non era soffiato il vento della primavera araba? Cosa sta succedendo davvero? Così l’inviato de Gli occhi della guerra Luca Fortis tratteggia un ritratto del paese:

“Il presidente Al Sisi è stato appena riconfermato in elezioni in cui non aveva alcun avversario. Ha battuto l’unico sfidante, che in realtà è un suo alleato, Mustafa Moussa. Tutti gli altri candidati si sono ritirati per protesta contro le regole del processo elettorale o sono stati convinti in termini più o meno decisi a farlo. L’affluenza è stata del 40 per cento.
La situazione politica non sembra cambiare, da un lato il presidente è riuscito a stabilizzare il Paese, anche se non ha sconfitto il terrorismo in Sinai, dall’altro però ciò è avvenuto a scapito dei diritti dell’uomo e di tutte le speranze che la Primavera Araba aveva portato. Il caso Regeni ne è la dimostrazione lampante. Se la Tunisia, pur tra mille difficoltà economiche, si è trasformata in una democrazia, l’Egitto, l’altro grande simbolo di quegli anni, ha scelto il militarismo e un potere più simile alle antiche tradizioni faraoniche che a una moderna democrazia. Dietro una legge costituzionale che sembra garantire ogni diritto, spesso si nasconde una storia molto diversa” (da Gli occhi della guerra).

© UN Photo/B Wolff CC
Congested traffic in Cairo, Egypt.

Un cambiamento che non arriva, insomma. Ma a quanto pare, anche con piccoli gesti dal grande valore simbolico, le donne egiziane vogliono lanciare il proprio cuore oltre l’ostacolo.

Un salto per essere protagoniste

La disciplina del parkour offre loro una bandiera perfetta per ribadire la centralità della donna nella vita del paese e quindi il rispetto che le si deve. Viene definita anche «arte dello spostamento» ed è uno sport prevalentemente metropolitano in cui il corpo si confronta in modo positivo con gli ostacoli.
In origine il parcours era nato come tecnica di allenamento militare per educare il corpo a superare i percorsi di guerra assecondando i movimenti naturali del corpo, poi il francese David Belle ne fece una disciplina da praticare nei centri urbani, anche come filosofia di vita: lo scopo è quello di comprendere quali sono le proprie capacità ed affrontare meglio gli ostacoli attraverso il superamento delle proprie paure e comprendere il rispetto per il territorio con il quale ci si allena in modo da capirne l’importanza e non maltrattarlo.

A differenza delle acrobazie fine a se stesse ed eseguite per stupire gli spettatori, chi pratica parkour vive l’ambiente circostante come un «trampolino», un’occasione per trovare un sentiero personale superando le barriere via via incontrate … ma non in modo oppositivo: un muretto può diventare il punto d’appoggio per una rovesciata.

RAGAZZO, PARKOUR, STRADA
Shutterstock

Ecco il motivo per cui un piccolo movimento di donne egiziane ha scelto di dedicarsi a questo sport e di farlo senza nascondersi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.