Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 18 Giugno |
San Gregorio Barbarigo
home iconApprofondimenti
line break icon

Gran Bretagna: un altro passo verso l’editing genetico degli embrioni umani

Jezper/Shutterstock

Paul De Maeyer - pubblicato il 26/07/18

Secondo il Nuffield Council on Bioethics intervenire sul DNA umano non è “moralmente inaccettabile”

In Gran Bretagna, un ente non governativo di rilievo, il Nuffield Council on Bioethics (NCB), si è espresso nei giorni scorsi su uno degli argomenti più “caldi” in campo bioetico: il cosiddetto editing genetico di embrioni umani.

In un nuovo rapporto, o forse meglio parere, intitolatoGenome editing and human reproduction: social and ethical issues, l’organismo fondato nel 1991 e finanziato dallaNuffield Foundation, dal Medical Research Council e dalWellcome Trust [1] sostiene che intervenire sul cosiddetto “codice della vita”, cioè il DNA umano, sia “eticamente ammissibile”.

Ma solo se sono garantiti due princìpi, così sottolinea il testo: ovvero da un lato il benessere della futura persona, e dall’altro lato la giustizia sociale e la solidarietà, nel senso che “tali interventi non debbano produrre o inasprire la divisione sociale, o marginalizzare o svantaggiare gruppi nella società”.

“E’ nostra opinione che l’editing del genoma non sia moralmente inaccettabile di per sé”, ha dichiarato la presidente del Working Party o gruppo di lavoro, Karen Yeung. “Non c’è motivo di scartarlo in linea di principio”, ha continuato la professoressa di Legge, Etica e Informatica presso l’Università di Birmingham, citata dal Guardian.

Editing genetico

Non è la prima volta che l’ente indipendente con sede a Bedford Square, nel centro di Londra, scuote il mondo scientifico. Sei anni fa, nel 2012, il Nuffield Council of Bioethics aveva sdoganato la discussa tecnica del cosiddetto three-parent baby, cioè la fecondazione in vitro a tre genitori (due donne e un uomo) per impedire la trasmissione di malattie ereditarie dei mitocondri. In seguito all’iniziativa il Regno Unito ha approvato la tecnica nel febbraio 2015.

Ciò che rende l’editing genetico molto delicato e perciò controverso è il fatto che prevede anche la possibilità di apportare modifiche alla “linea germinale”, interesserebbe quindi anche ovuli e spermatozoi. In quel modo i cambiamenti apportati al patrimonio genetico dell’embrione diverrebbero permanenti e verrebbero passati di generazione in generazione.

In un primo momento l’obiettivo dell’editing sarà la “prevenzione dell’ereditarietà di una specifica malattia genetica”, ha spiegato la Yeung, citata dal sito Gizmodo.com. Ma si potrebbe anche andare oltre. Secondo la presidente dell’organismo, la tecnica ha “il potenziale per diventare una strategia alternativa a disposizione dei genitori per raggiungere una gamma più ampia di obiettivi”.

Proprio quest’ultimo aspetto è preoccupante, perché apre la strada ai cosiddetti designer babies, ovvero a bambini concepiti “à la carte” o “su misura” secondo i desideri dei genitori, che vogliono il meglio per la prole. Per Jim Denison, sul sito ChristianHeadlines.com, gli aspetti negativi dell’editing genetico embrionale “fanno spavento”.

  • 1
  • 2
Tags:
embrionigenetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
7
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni