Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Non smettiamo di insegnare le preghiere e di raccontare storie ai bambini

Condividi

"L’alternativa è questo balbettio continuo, informe, ottuso. E quando la vita mette di fronte al vero dolore, alla vera necessità, chi è senza parole, senza storia, rimane anche senza pensiero".

Si impara a divenire uomini attraverso le storie e la storia.

Solo guardando nel cuore di altri esseri umani possiamo scoprire il fondo nel nostro stesso essere. Vedere la sostanza di vite che ci portano oltre le nostre limitate esistenze, la trama di un disegno più grande, il fondo di un desiderio comune.

Senza il lungo percorso verso la verità e la virtù, non sapremmo guardare le stelle, desiderarne il creatore.

Pixabay

Ci vogliono far credere che ogni generazione abbia il diritto di reinventare tutto dal nulla, ma niente si inventa dal nulla, senza memoria si ripetono vecchi errori, con la ridicola convinzione di averli appena forgiati.

Chi può, chi sa, non smetta di insegnare le preghiere a memoria, di raccontare le storie ai bambini, di far sentire loro bei canti e di mostrare anche bei film.

L’alternativa è questo balbettio continuo, informe, ottuso. E quando la vita mette di fronte al vero dolore, alla vera necessità, chi è senza parole, senza storia, rimane anche senza pensiero.

Storie e memoria sono il primo vaccino, il primo strumento contro le forze del nulla, contro la schiavitù che avanza.

Non c’è miglior propedeutica alla lettura dei grandi classici della tradizione occidentale che la frequentazione di quella letteratura per ragazzi concepita nello stesso humus: è un tirocinio del linguaggio, della mente e del cuore. Più di un corso contro il bullismo, o di educazione affettiva, o di cittadinanza. Più di mille prediche sul rispetto, la tolleranza, l’inclusione. Più di mille schede di comprensione del testo, più di un miliardo di tristi storie politicamente corrette infilate nei libri di testo.

Ecco alcuni titoli di libri letti negli anni con i figli, corredati di età minima consigliata, anche se questo dato è molto soggettivo: quando legge un adulto per il bambino, infatti, l’età minima si abbassa di molto. Non è insolito che in tenera età il livello di comprensione in ascolto sia molto più sviluppato delle abilità di lettura, ma ovviamente ogni genitore conosce i suoi figli e sa cosa possono comprendere, apprezzare, gustare in un certo momento della loro crescita.

Shutterstock

Chi vuole, continui pure i suggerimenti nei commenti.

Lionni, Piccolo blu e piccolo giallo, 2 anni
Agostinelli, Sembra questo, sembra quello, 3 anni
Brunhoff, Babar, 3 anni
Leaf, Il toro Ferdinando, 3 anni
Lionni, La casa più grande del mondo, 3 anni
Milne, Winnie the Pooh, 3 anni
Munari, Cappuccetto bianco, giallo e verde, 3 anni
Munari, Mai contenti, 3 anni
Norac, Mostro, non mangiarmi, 3 anni
Piumini, Chicino e Cicotta, 3 anni
Sendak, Nel paese dei mostri selvaggi, 3 anni
Seuss, Il gatto col cappello, La guerra del burro, etc… 3 anni
Vitelli, Mamma, c’è un leone sul divano, 3 anni
White, La tela di Carlotta, 3 anni
Francaviglia, Il gigante piscione, 4 anni
Grimm, Fiabe, 4 anni
La Fontaine, Favole, 4 anni
Rodari, Filastrocche in cielo e in terra, 4 anni
Donaldson, A spasso col mostro, 4 anni
Donnio, Mangerei volentieri un bambino, 4 anni
Andersen, Favole, 5 anni
Esopo, Favole, 5 anni
Lamarque, Pierino e il lupo, 5 anni
Lamarque, Pezzetti d’infanzia, 5 anni
Luzzati, Tre fratelli, quaranta ladroni, cinque storie di maghi e burloni, 5 anni
Minarik/Sendak, Storie di orsacchiotto, 5 anni
Potter, Il mondo di Beatrix Potter, 5 anni
Rodari, Favole al telefono, 5 anni
Wilde, Il principe felice e altri racconti, 5 anni
A.V., Fiabe russe, 5 anni
A.V., Fiabe popolari lituane, 5 anni
Sylvia Long, Mamma Oca e altre filastrocche, 5 anni
Adams, La collina dei conigli, 6 anni
Barklem, Le quattro stagioni di Boscodirovo, 6 anni
Dugin, Le penne del drago, 6 anni
Dugin, Il sartorello coraggioso, 6 anni
Grahame, Il drago pacioccone, 6 anni
Lamarque, L’usignolo dell’imperatore, 6 anni
Lamarque, Il flauto magico, 6 anni
Lamarque, Il lago dei cigni, 6 anni
Lamarque, L’uccello di fuoco, 6 anni
Lamarque, Schiaccianoci e il re dei topi, 6 anni
Nostlinger, Cara Susi, caro Paul, 6 anni
Lodi, Cipì, 6 anni
Buzzati, La famosa invasione degli orsi in Sicilia, 7 anni
Dahl, La fabbrica di cioccolato, 7 anni
Saint-Exupery, Il piccolo principe, 7 anni
Spiri, Heidi, 7 anni
Smith, La carica dei 101, 7 anni
Atwater, I pinguini di Mr. Popper, 7 anni
Calvino, Fiabe popolari italiane, 8 anni
Collodi, Le avventure di Pinocchio, 8 anni
D’Arzo, Penny Wirton e sua madre, 8 anni
Durrell, La mia famiglia e altri animali, 8 anni
Giono, L’uomo che piantava gli alberi, 8 anni
Morante, Le straordinarie avventure di Caterina, 8 anni
Pernoud, Un tagliatore di pietre nel Medioevo, 8 anni
Piumini, Lo stralisco, 8 anni
Rodari, C’era due volte il barone Lamberto, 8 anni
Rowling, Harry Potter, 8 anni
Twain, Il principe e il povero, 8 anni
Vamba, Il giornalino di Gian Burrasca, 8 anni
Dumas, Robin Hood, 8 anni
Wilde, Il fantasma di Canterville, 8 anni
Jerome, Tre uomini in barca, 8 anni
Piumini, Cuore d’eroe, 8 anni

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni