Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché prendersela con l’uomo Sergio?

SERGIO MARCHIONNE
Jewel SAMAD I AFP
Sergio Marchionne, Chief Executive Officer of Fiat Chrysler Automobiles (FCA), smiles as he answers a question during a press conference at the 2018 North American International Auto Show (NAIAS) in Detroit, Michigan, on January 15, 2018.
The Detroit Auto Show got rolling on January 14, with international trade and tax cuts dominating the conversation, even as carmakers raced to meet Americans' seemingly insatiable appetite for trucks and SUVs. / AFP PHOTO / Jewel SAMAD
Condividi

Una persona in gravi condizioni ha sempre diritto al nostro rispetto, qualunque cosa si pensi di lui

Abbiamo tutti seguito con iniziale diffidenza e poi con incredula sorpresa le notizie che si sono succedute circa le condizioni di salute di Sergio Marchionne, l’Amministratore Delegato di Fiat, ora FCA, che – a quanto pare – sta lottando tra la vita e la morte. Di Marchionne si sa poco, non è un presenzialista, non sta sempre in tv, è certamente un uomo di grande spessore e un lavoratore infaticabile, forse anche questo ha causato la sua attuale condizione. Condizione che non è nota perché se Marchionne è schivo sulle cose frivole, lo è ancora di più adesso che la situazione è seria. Si vocifera di un tumore al polmone (Dagospia) ormai allo stato terminale, la scusa che lo aveva allontanato dall’Assemblea di FIAT diceva “intervento alla spalla”, ma per un intervento alla spalla non si manda via un manager di quella caratura, né ci si affretta prima che le borse aprano a nominare un successore con un anno di anticipo rispetto a quanto programmato.

Che Sergio Marchionne stia molto male è chiaro a tutti. Meno chiaro a chi si accanisce contro di lui sui social o sui giornali, dimenticando la distanza che dovrebbe intercorrere tra l’uomo Sergio, sofferente probabilmente addirittura morente, e il manager Marchionne con le sue scelte a volte discutibili, con un certo grado di spocchia, con le promesse mancate e i fallimenti (Il Fatto).

Un buon ritratto che permette di vedere bene i limiti del manager che per certi versi manager non fu lo fa Maurizio Belpietro su La Verità:

La fortuna, per Marchionne, volle che in quel momento alla Casa Bianca fosse appena arrivato Barack Obama e che il neo presidente non potesse cominciare il mandato assistendo impotente alla chiusura delle fabbriche automobilistiche del gruppo. Obama non aveva il problema degli aiuti di stato che avrebbe avuto un qualsiasi politico europeo, costretto a rispettare le assurde regole di Bruxelles. No, il presidente Usa mise mano al portafogli, sperando che qualcuno si facesse avanti. E un uomo scaltro, con un’ azienda che faceva fatica a trovare la strada per uscire dalla crisi, capì che quella poteva essere un’ opportunità. Ha scritto bene Marco Cobianchi nel libro in cui ha analizzato la strategia di Marchionne (American Dream): non è la Fiat che ha comprato la Chrysler, ma Obama che ha comprato la Fiat.

Con i soldi americani (e anche la tecnologia che nella Chrysler avevano messo i tedeschi), Marchionne ha fatto il miracolo. Tuttavia, anche se ha guidato per 14 anni un gruppo automobilistico, l’ uomo che oggi giace in un letto d’ ospedale a Zurigo non è mai stato un manager dell’ automobile. Prova ne sia che ha fatto e disfatto piani industriali (otto in totale), senza azzeccarne mai neanche uno. Marchionne è stato un grande funambolo, un uomo che ha giocato con i soldi, le banche, le relazioni. Ha scomposto e ricomposto il gruppo, quotando ciò che già era di proprietà della Fiat e moltiplicandone il valore.

D’altro canto Il Manifesto titola così, con un po’ troppo anticipo sugli eventi ed evocando già non solo o non tanto la fine di un’era, ma di una persona.

Così il Presidente della regione Toscana

Insomma se davvero siamo di fronte ad crepuscolo della vita di questo manager italo-canadese, la cui famiglia fuggì dall’Italia per sfuggire alla guerra, che partendo dal poco ha fatto molto, ci sarà tutto il tempo dopo di analizzare la sua vita pubblica, ora per la sua anima (specialmente se si pensa che egli abbia fatto molti errori) si deve solo pregare, portare rispetto per il dolore suo e dei suoi cari (i figli e la compagna innanzi tutto) e fare silenzio…

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.