Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Chiesa cattolica nel mirino in Nicaragua

AFP PHOTO / INTI OCON
Condividi

Il presidente Ortega minaccia e intimidisce gli ecclesiastici. Morti e feriti non frenano la violenza dei paramilitari. Ecco perché ce l’hanno così tanto contro vescovi e sacerdoti

La Chiesa del Nicaragua sempre più nel mirino della repressione violenta messa in atto dal governo sandinista del presidente Daniel Ortega contro chiunque vi si opponga.

Da mediatori a oppositori, vescovi, sacerdoti, frati – impegnati in questi giorni a prestare soccorso alle vittime e ai rifugiati – sono da settimane in cima alla black list delle cosiddette “Turbas”, i gruppi paramilitari filogovernativi, fomentati anche da diversi media che non perdono tempo ad additarli come «traditori» e «satanisti».

[googlemaps https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d3983105.041344526!2d-87.26215719759558!3d12.859351597887152!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x8f10c200ceff22cd%3A0xc8faa7e53fac15b5!2sNicaragua!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1532361949425&w=600&h=450%5D

Gli attentati

L’ultimo grave attacco – dopo quello ai danni dell’arcivescovo di Managua, il cardinale Leopoldo Brenes, e del nunzio Waldemar Stanisław Sommertag malmenati e feriti in una chiesa a Diriamba – riguarda ancora un vescovo, Juan Abelardo Mata, 72enne vescovo di Estelì, ex vice presidente della Conferenza episcopale, tra le voci più critiche della presidenza a conduzione familiare del comandante Ortega e membro della commissione episcopale incaricata di mediare il Dialogo tra governo e società civile.

Il presule è scampato due giorni fa ad un agguato delle forze paramilitari. Le immagini circolate nei Tg e sul web mostrano la macchina distrutta in diversi punti, finestrini frantumati, ruote forate inutilizzabili. Il vescovo e il suo autista sono rimasti illesi, ma lo shock è grande (La Stampa, 17 luglio).

“E’ fuori pericolo”

A riguardo, ancora una volta, si è alzata la voce del cardinale Brenes che ha rassicurato sulle condizioni di Mata («È fuori pericolo, grazie a Dio») e denunciato l’ingresso di alcuni paramilitari in una chiesa parrocchiale a Masaya, nel municipio di Catarina, nel sud est del Paese.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni