Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
San Giuseppe da Copertino
home iconNews
line break icon

Chiesa cattolica nel mirino in Nicaragua

AFP PHOTO / INTI OCON

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/07/18

Il presidente Ortega minaccia e intimidisce gli ecclesiastici. Morti e feriti non frenano la violenza dei paramilitari. Ecco perché ce l'hanno così tanto contro vescovi e sacerdoti

La Chiesa del Nicaragua sempre più nel mirino della repressione violenta messa in atto dal governo sandinista del presidente Daniel Ortega contro chiunque vi si opponga.

Da mediatori a oppositori, vescovi, sacerdoti, frati – impegnati in questi giorni a prestare soccorso alle vittime e ai rifugiati – sono da settimane in cima alla black list delle cosiddette “Turbas”, i gruppi paramilitari filogovernativi, fomentati anche da diversi media che non perdono tempo ad additarli come «traditori» e «satanisti».

Gli attentati

L’ultimo grave attacco – dopo quello ai danni dell’arcivescovo di Managua, il cardinale Leopoldo Brenes, e del nunzio Waldemar Stanisław Sommertag malmenati e feriti in una chiesa a Diriamba – riguarda ancora un vescovo, Juan Abelardo Mata, 72enne vescovo di Estelì, ex vice presidente della Conferenza episcopale, tra le voci più critiche della presidenza a conduzione familiare del comandante Ortega e membro della commissione episcopale incaricata di mediare il Dialogo tra governo e società civile.

https://twitter.com/VIPeopleClub/status/1018629932501610496

Il presule è scampato due giorni fa ad un agguato delle forze paramilitari. Le immagini circolate nei Tg e sul web mostrano la macchina distrutta in diversi punti, finestrini frantumati, ruote forate inutilizzabili. Il vescovo e il suo autista sono rimasti illesi, ma lo shock è grande (La Stampa, 17 luglio).

“E’ fuori pericolo”

A riguardo, ancora una volta, si è alzata la voce del cardinale Brenes che ha rassicurato sulle condizioni di Mata («È fuori pericolo, grazie a Dio») e denunciato l’ingresso di alcuni paramilitari in una chiesa parrocchiale a Masaya, nel municipio di Catarina, nel sud est del Paese.

  • 1
  • 2
Tags:
chiesanicaragua

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni