Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 11 Maggio |
home iconStile di vita
line break icon

Come controllare le proprie emozioni?

Kobe Bryant Il campione olimpico e dell'NBA, uno dei marcatori più importanti del basket, ha trovato la forza nella sua fede quando ha dovuto affrontare un'accusa di stupro. Quando ha spiegato la sua innocenza a un sacerdote, si è sentito dire: “Dio non ti darà nulla che tu non riesca a gestire, e ora è tutto nelle sue mani. È una cosa che non puoi controllare, quindi lascia perdere”. Bryant ha vissuto una svolta ed è riuscito ad affrontare le accuse e a ricostruire il suo matrimonio. Ronald Cortes | Getty Images

Catholic Link - pubblicato il 23/07/18

6 suggerimenti che vi possono aiutare a passare dalla rabbia alla calma

di Nory Camargo

Le sensazioni che sperimentiamo nel nostro corpo quando siamo infastiditi o arrabbiati vanno dall’accelerazione delle pulsazioni alla voglia di piangere, dal tremore delle mani al mal di testa, fino all’impulso di voler colpire e gettare le cose con forza. Probabilmente nessuno ama sentirsi così, ma il senso di rabbia arriva nella nostra vita quasi da subito. Ci irritiamo con facilità e dobbiamo esprimerlo in qualche modo.

Just Breathe, il video che presentiamo di seguito, mostra vari bambini mentre spiegano come si sentono quando sono arrabbiati. Sorprende che molti di loro parlino come adulti, offrendoci dei suggerimenti per controllare le emozioni e trasferire tutta quella rabbia in una direzione più calma e tranquilla, in cui quasi come un tornado le nostre emozioni e i nostri pensieri diminuiscono a poco a poco la propria velocità.

Sicuramente abbiamo sentito tutti qualche amico o familiare dire “Io sono così e non cambierò”, o forse siete voi a dire questa frase, ma ho una buona notizia da darvi: abbiamo la capacità di cambiare, non totalmente, ma possiamo decidere di modificare alcuni aspetti del nostro carattere che non ci fanno sentire a nostro agio. Ciò significa che anche se ciascuno di noi ha una personalità unica, ha anche un carattere modificabile. La personalità è l’insieme di sentimenti, atteggiamenti e pensieri che ci caratterizzano da quando nasciamo, è uno standard che rende il nostro comportamento prevedibile e ci definisce al momento di relazionarci con gli altri, mentre il carattere si riferisce al modo in cui possiamo reagire di fronte a una determinata situazione, e per questo diciamo che è malleabile. Un esempio: quando vi sentite arrabbiati con un’altra persona, in genere gridate e dite la prima cosa che vi passa per la testa. Se voleste cambiare questo aspetto del vostro carattere, potreste decidere di cercare di rimanere in silenzio mentre l’altra persona parla, di chiederle un attimo per discutere in seguito con più calma e ritirarvi in un luogo tranquillo per pensare meglio. Suona molto semplice, ma richiede molta forza di volontà. Essere arrabbiati è un sentimento a cui nessuno può sfuggire, e anche se è vero che ci sono personalità più forti di altre, tutti, bambini e adulti, siamo esposti tutto il tempo a un’infinità di situazioni che mettono alla prova il nostro carattere.

È importante pensare al modo in cui ci relazioniamo agli altri, a come parliamo loro, al tono che usiamo, alle parole che impieghiamo normalmente, a cosa dice il nostro linguaggio corporeo quando gli altri ci chiedono di discutere di qualche tema o all’atteggiamento che adottiamo quando vediamo che gli altri sono arrabbiati o frustrati. Attualmente molte discussioni hanno luogo attraverso il cellulare, e questo cambia completamente il panorama, perché quando leggiamo quello che l’altro ci scrive gli attribuiamo un tono, quello che noi vogliamo o supponiamo che l’altra persona usi. Da ciò derivano i malintesi quando davanti a un testo dell’estensione di un romanzo qualcuno ci risponde con un semplice “Ok”.

  • 1
  • 2
Tags:
autocontrolloemozionirabbia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
ROSES, TERESA LISIEUX
Annalisa Teggi
Novena delle rose, 5 storie di chi ha ricevuto una carezza da San...
7
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni