Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Si deve pagare per la Messa o per ricordare un defunto? Risponde Papa Francesco

Andreas Solaro / AFP
Condividi

Sulle inquietudini dei fedeli circa quanto denaro offrire per una celebrazione

Esiste un tariffario per le Messe in ricordo di un defunto, di ringraziamento o per la celebrazione di un matrimonio o di una Prima Comunione? È una domanda che molte persone si pongono in modo ricorrente, e Papa Francesco ha risposto in modo chiarissimo: “La redenzione è gratuita”.

Il Pontefice lo ha ribadito in varie occasioni, l’ultima delle quali l’udienza generale del 7 marzo scorso nell’Aula Paolo VI del Vaticano dedicata alla Messa – liturgia eucaristica e preghiera eucaristica.

Il Papa ha sottolineato che nessuno dev’essere dimenticato nella preghiera eucaristica: “’Padre, quanto devo pagare perché il mio nome venga detto lì?’ ‘Niente’. Capito questo? Niente! La Messa non si paga. La Messa è il sacrificio di Cristo, che è gratuito. La redenzione è gratuita. Se tu vuoi fare un’offerta falla, ma non si paga. Questo è importante capirlo”.

Se abbiamo qualche persona, parenti o amici, che ne hanno bisogno o che sono passati da questo mondo all’altro, “posso nominarli in quel momento, interiormente e in silenzio o fare scrivere che il nome sia detto”. E anche questo, ha ribadito, non dev’essere pagato.

Francesco ha dunque chiarito che i sacramenti sono gratis, perché anche la Chiesa li ha ricevuti.

Ovviamente resta la libertà di fare un’offerta, ma non si paga. In altre occasioni, il Papa si era riferito al “tariffario” delle celebrazioni dei sacramenti, come Battesimi, matrimoni o esequie.

Nel caso specifico delle Messe in suffragio dei defunti, che vengono celebrate quotidianamente dai sacerdoti che pregano per le anime, ha insistito nuovamente sulla loro gratuità.

Il Codice di Diritto Canonico (can. 945) regola le offerte e insiste perché i sacerdoti celebrino la Messa con le intenzioni dei fedeli, “soprattutto dei più poveri, anche senza ricevere alcuna offerta”.

Si può comunque ricevere un’offerta libera, che però non è una tariffa per un servizio che obbliga a dare del denaro.

Va detto che alcune diocesi hanno chiesto ai loro sacerdoti di stabilire un’offerta minima, per indicare che non è lecito ricevere più denaro.

Nei santuari le offerte sono diversificate. Nella basilica di Nostra Signora di Guadalupe, ad esempio, esiste un modulo per le Messe e le donazioni.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni