Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gay Pride al centro estivo per bambini: la cooperativa chiede scusa (FOTO)

Facebook
Condividi

Polverone di polemiche a Bologna per i cartelloni e i dipinti pro LGBT. Il presidente: le educatrici hanno interpretato male il loro ruolo

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Nel giorno in cui il sindaco di Napoli Luigi De Magistris firma gli atti di nascita di 11 bambini affidati a famiglie bi-genitoriali (7 coppie composte da lesbiche, 4 da gay), rinnovando a gran voce il suo impegno a favore delle cosiddette Famiglie Arcobaleno (quelle cioè composte da omosessuali e transessuali), arriva la retromarcia della Cooperativa “Dolce” di Casalecchio di Reno (Bologna), le cui educatrici avevano promosso il Gay Pride per i bambini di età compresa tra 0 e 6 anni del centro estivo gestito da loro.

“Errore comunicativo”

Nessun provvedimento disciplinare per le educatrici (non poteva essere altrimenti…) ma al termine di un incontro con le famiglie dei bambini, «si è scusata per l’errore comunicativo fatto, associando il tema della diversità alla manifestazione del Gay Pride», scrive il Corriere di Bologna (19 luglio).

Leggi anche: I figli non sono un “contratto commerciale”. Giudice frena la registrazione di due gemellini ad una coppia gay

Il richiamo del presidente

Il presidente di “Dolce”, Pietro Segata, afferma: «Nei nostri servizi noi abbiamo previsto dei percorsi di orientamento alla diversità – spiega –  ma li portiamo avanti sempre con grande attenzione e col coinvolgimento dei genitori, senza mai sostituirci alle famiglie. Penso che in questo caso le educatrici abbiano interpretato male il loro ruolo, mettendo un po’ troppa enfasi sulla diversità, per di più in un periodo durante il quale le famiglie cambiano di continuo, di settimana in settimana, quindi non si ha il tempo per sviluppare percorsi adeguati».

Leggi anche: Un gay pride anche per i bambini

Il cartellone LGBT

È successo tutto venerdì 13 luglio, alla vigilia del Bologna Pride, il gay pride promosso nel capoluogo emiliano. «Venerdì 6 giugno – si legge nel cartellone colorato disegnato dai bambini – ci siamo dipinti la faccia coi colori dell’arcobaleno per festeggiare insieme il gay pride, viva l’amore!”. E dietro, un arcobaleno con un cuore e la scritta: “Abbiamo letto “Buongiorno postino” e “Piccolo Uovo” …(due libri che affrontano il tema delle famiglie arcobaleno ndr) perché esistono tanti tipi di famiglie», accompagnata dalle immagini dei bambini con la facce colorate che ascoltano l’educatrice e disegnano (La Repubblica, 13 luglio).

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni