Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I Sandali di Gesù sono custoditi in una basilica in Germania?

Condividi

Un professore di Genetica che li ha analizzati dice che risalgono al I secolo e che la polvere è di Gerusalemme

Nostro Signore Gesù Cristo usava dei sandali, secondo il costume degli ebrei in Palestina.

Il Vangelo di San Luca riporta queste parole di San Giovanni Battista:

“Giovanni rispose, dicendo a tutti: ‘Io vi battezzo in acqua; ma viene colui che è più forte di me, al quale io non sono degno di sciogliere il legaccio dei calzari. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco’” (Lc 3,16).

San Marco riferisce:

“Poi chiamò a sé i dodici e cominciò a mandarli a due a due; e diede loro potere sugli spiriti immondi. Comandò loro di non prendere niente per il viaggio; né pane, né sacca, né denaro nella cintura, ma soltanto un bastone; di calzare i sandali e di non portare tunica di ricambio” (Mc 6, 7-9)

Ma qualcuno ha mai sentito dire che i sandali di Nostro Signore, questa reliquia divina, esistano ancora?

E se esistono, dove sono?

Pochissimi cattolici sanno che, dopo duemila anni da che il Redentore ha calpestato la nostra Terra, alcune parti dei suoi sandali si conservano e vengono venerate in una basilica.

Le reliquie si trovano nella basilica pontificia del Santissimo Salvatore della città tedesca di Prüm.

Prüm è situata vicino alla frontiera con il Lussemburgo, e quindi al mondo di lingua francese. La basilica è appartenuta a una grande abbazia, e oggi è la parrocchia della città.

Lo storico Michael Hesemann ha affermato che sono arrivati lì come donazione di Papa Zaccaria (*679 – 741 – +752), che favorì molto l’evangelizzazione della Germania attraverso San Bonifacio e promosse la prima riforma della Chiesa franca incoronando re Pipino III, il Breve.

Il re è famoso per essere stato il padre del primo imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo Magno, l’eroe di guerra contro i musulmani invasori.

Nell’ultimo anno del suo pontificato, Papa Zaccaria inviò le reliquie dei Sandali di Cristo come dono inestimabile a Pipino.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni