Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cos’è successo a Tommaso dopo il famoso episodio dell’incredulità? L’arte conosce la risposta

PD
Condividi

Gli Acta Thomae, un documento che riguarda soprattutto la vita del santo, portano avanti questa storia di fede

La Tradizione non è stata benevola con San Tommaso, un apostolo di Cristo affascinante. Offuscato dalla sua insistenza nel voler verificare a livello sensoriale la Resurrezione, Tommaso ha ereditato il ruolo di colui che dubita, ma attraverso il suo franco scetticismo è emersa l’innegabile confessione “Mio Signore e mio Dio”, e una scintilla di fede inestinguibile che ha infiammato il mondo.

MARTYRDOM OF ST THOMAS
PD

Ma cosa è accaduto a San Tommaso dopo il suo famoso episodio di incredulità? È stato l’epilogo? Gli Acta Thomae, un documento che riguarda principalmente la vita del santo, portano avanti questa storia di fede. La leggenda afferma che all’atto della distribuzione dei territori di missione, l’India sarebbe spettata a San Tommaso. L’apostolo, però, rifiutò di avventurarsi in quella terra straniera. Cristo apparve poi in modo soprannaturale ad Abban, un inviato del re indiano Gundafor. Abban invitò Tommaso a servire il suo padrone come architetto. Tommaso acconsentì e salpò per l’India.

Il progetto reale includeva la costruzione di un palazzo per il re nello stile artistico romano, ma il coraggioso Tommaso distribuì il tesoro che gli era stato affidato ai poveri. Re Gundafor era furioso e lo fece imprigionare. In seguito capì che l’intenzione dell’apostolo non era costruire un palazzo sulla Terra, “dove la tignola e la ruggine consumano, e dove i ladri scassinano e rubano” (Mt 6, 19-20), ma costruire un palazzo eterno in Cielo attraverso i nobili atti di carità e d’amore. Il re lo fece rilasciare e annullò il processo contro di lui. Mentre il santo percorreva il Paese predicando la Buona Novella, la sua fede venne ancora una volta messa alla prova dal re Misdai, che lo condannò a morte.

La leggenda del martirio di San Tommaso è stata riassunta dalle pennellate magistrali del pittore Peter Paul Rubens. Il dipinto in considerazione ci invita ad andare alle profondità della fede attraverso la bellezza dell’arte e lo spettacolare calore dei colori.

Il fiammingo Rubens cerca di simulare una scena asiatica piena di simboli e storie. Il dramma si svolge in primo piano. Ispirato dal modello scultoreo classico del Laocoonte morente, Rubens presenta San Tommaso mentre viene perseguitato dai pagani potenti.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni