Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nicaragua: il sanguinoso tramonto di un isolato Ortega

NICARAGUA,UNREST,CATHOLIC
Marvin Recinos | AFP
Monsignor Silvio Jose Baez speaks next to Cardinal Leopoldo Jose Brenes (C) and Papal Nuncio Stanislaw Waldemar Sommertag (L) upon arrival in Masaya, Nicaragua, on June 21, 2018.
Members of the Catholic Church arrived in the city -- which this week declared itself in rebellion to president Daniel Ortega's rule -- "to avert another massacre" as it was under "disproportionate" attack from police and paramilitary forces, who, a human rights group said, were using AK47s and Dragunov sniper rifles against civilian residents.
Condividi

Il presidente del Nicaragua mette la chiesa cattolica al centro di un’ampia operazione repressiva

Daniel Ortega, ex leader rivoluzionario e popolare del Nicaragua, divenuto oggi un piccolo despota, patetico e sanguinario, non ha più amici né alleati. Di tutti i leader sandinisti con i quali si batté anni fa contro la dittatura degli ultimi della famiglia dei Somoza – sostenuto dalla chiesa cattolica con capo l’allora arcivescovo Miguel Obando Bravo, “il più oppositore alla dittatura di Anastacio tra tutti gli oppositori” – oggi non è rimasto più nessuno a sostenerlo. Tutti, col passare degli anni, lo hanno abbandonato e si sono allontanati dal movimento sandinista di Ortega che, nelle presidenziali del 2017, ha trovato come candidato alla Vice presidenza per poter formare il tandem di governo, solo sua moglie, la poetessa, Rosario Murillo.

Ortega, in carica dal 2007, già rieletto due volte, dovrebbe ora governare fino al 2022, anno in cui, come è accaduto in passato, troverà tutti i meccanismi e pretesti “costituzionali” per ottenere un ulteriore mandato. Questo è ciò che meglio sa fare Ortega. Come governante, sia nel primo periodo 1979-1985, e ora dal 2007 ad oggi, si è sempre dimostrato piuttosto scarso nei risultati e, in sostanza, il Nicaragua di Daniel Ortega è lo stesso di quello della fine della dittatura dei Somoza, quasi 40 anni fa.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni