Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconNews
line break icon

Intelligenza artificiale: Uomo versus macchina è finita 1 a 1

MĘŻCZYZNA PRZY KOMPUTERZE

Kevin/Unsplash | CC0

Paul De Maeyer - pubblicato il 18/07/18

A San Francisco un esperimento di grande interesse sulle nuove potenzialità delle AI

Presso l’IBM Watson Center, situato nel quartiere SoMa (o South Market) nel cuore di San Francisco, in California, si è svolta il 18 giugno scorso una sfida uomo versus macchina senza precedenti nella storia dell’intelligenza artificiale (abbreviata IA o anche AI, dall’inglese Artificial Intelligence).

Davanti ad un pubblico costituito da circa una cinquantina di giornalisti e anche un accademico, il professor Chris Reed, dell’Università di Dundee, in Scozia, si sono affrontati due campioni o specialisti di dibattiti dal vivo da un lato e il sistema di intelligenza artificiale IBM Project Debater dall’altro.

La gara era composta da due dibattiti. Entrambe le parti coinvolte in ogni manche avevano quattro minuti per sviluppare la propria tesi, altri quattro per confutare gli argomenti dell’avversario e infine due per una sintesi finale.  

Nel primo dibattito il sistema di IA si è confrontato con il campione israeliano di dibattito del 2016, Noa Ovadia, sul tema “Dovremmo sovvenzionare l’esplorazione dello spazio”. Nella seconda ed ultima manche Project Debater ha discusso il tema “Dovremmo aumentare l’uso della telemedicina” con un altro esperto israeliano, Dan Zafrir.

Da un sondaggio condotto tra il pubblico alla conclusione dei dibattiti è emerso che la prima manche è stata vinta di stretta misura dalla controparte umana, mentre il sistema di IA si è aggiudicato il secondo dibattito. Secondo gli spettatori, Project Debater era più bravo rispetto ai suoi opponenti umani per quanto riguarda la ricchezza dell’informazione fornita, ma meno bravo nel presentare le sue tesi.




Leggi anche:
La pioniera nello studio del computer? Una suora

I precedenti

Non è la prima volta che il colosso IBM è stato protagonista di questo tipo di gara macchina contro uomo. Nel 1989 il computerDeep Thought dell’IBM sconfisse lo scacchista britannico David Levy, diventando in questo modo il primo calcolatore a giocare a livello di un Gran Maestro umano. Sempre nel 1989, il motore scacchistico dell’IBM cercò anche di sconfiggere l’allora campione del mondo Garri Kasparov, ma perse 2 a 0.

Ci riuscirà invece nel febbraio del 1996 il successore di Deep Thought, chiamato Deep Blue, che batte Kasparov nella prima partita di un torneo a sei incontri. Anche se il campione del mondo in carica vince comunque il torneo 4 a 2, la diga si è rotta. L’anno successivo, dopo un “pesante” aggiornamento, Deep Blue batte infatti – non senza polemiche – il campione russo 3.5 a 2.5.

A caccia di nuove sfide, IBM fa giocare il sistema di intelligenza artificiale Watson (il nome è quello del primo presidente dell’azienda, Thomas J. Watson) a Jeopardy!, il più famoso quiz della televisione americana. Il supercalcolatore riesce a battere nel febbraio del 2011 i campioni di sempre del gioco, Ken Jennings e Brad Rutter.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
intelligenza artificialetransumanesimo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni