Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sinodo dei Giovani: cos’è la vocazione?

Shutterstock
Condividi

La vocazione è un libro aperto pronto per essere scritto dall'amore di Dio

“La vocazione è…”, e si ascoltano le voci dei giovani che rispondono a una Chiesa che cammmina con loro nel reality sul Sinodo 2018 patrocinato dalla Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi del Vaticano, TeleMATER e Aleteia org.

Le telecamere mostrano scenari di vita quotidiana, illustrano gesti di volti trasfigurati dall’entusiasmo, dalla speranza e dal realismo. Il realismo magico della gioventù che confida nel fatto che l’impossibile sia possibile. Lo scintillio dei loro occhi che opacizza le convenzioni imposte – “Non importa se avrai un piccolo ruolo, sarà sempre importante”, insiste un giovane in un parco.

Ma cos’è la vocazione? Per molti ragazzi e ragazze è un viaggio in buona compagnia, in cui Dio abbraccia le loro speranze, le ascolta, le assume perché gli adulti escano da se stessi. Forse ha voluto intendere questo con il piccolo Davide che ha sconfitto con la sua fionda il Golia delle cose grigie e costituite, perché un giovane con un progetto di Dio in mano non lascia vincere la forza bruta della realtà.

Dalla visita dell’angelo, una ragazza ha detto “Sì” all’impossibile che diventa carne. La Vergine Maria ha inciso la sua vocazione nel granito. L’umanità redenta nella sua innocenza di accettare la volontà di Dio.

“Sarò madre, forse la mia vocazione è cercare di allevare una brava persona”, ha detto una giovane mamma nel suo appartamento.

Il profeta Geremia potrebbe essere uno di quei giovani che passeggiano a Central Park, a New York – “Ah, Signore! Eccomi, non so parlare perché sono bambino”. Immaturo e senza esperienza. “Torni a presentare la sua domanda di assunzione quando avrà ottenuto più esperienza”. “Ma quando avrò esperienza se non mi danno una possibilità?” E la risposta di Dio a Geremia: “Non dire: Sono giovane, ma va’ da coloro a cui ti manderò e annunzia ciò che io ti ordinerò”.

Ascoltando le voci di questi ragazzi in questo video sembrerebbe che siano i nostri profeti contro il cinismo, l’indifferenza e la violenza. “Fino a poco tempo fa pensavo che la vocazione fosse essere solo sacerdote o suora”. All’improvviso, la vocazione dei giovani si presenta come un libro aperto… pronto per essere scritto dall’amore di Dio, e fonte di ispirazione per chi guarda da lontano e sente una chiamata dentro di sé.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni