Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 12 Maggio |
home iconFor Her
line break icon

Salvatore è morto a 21 anni sul lavoro; il padre: “Angelo mio, aspettami in paradiso”

SALVATORE CALIANO

Salvatore Caliano | Facebook

Annalisa Teggi - pubblicato il 17/07/18

Un secondo lavoro nell'ora di pausa gli è stato fatale. Lo strazio della famiglia ci fa meditare una volta di più sul mistero buono di Dio che abita la vulnerabilità inquieta della vita insieme a noi

Salvatore Caliano aveva 21 anni e lavorava come barista a Forcella, Napoli. Martedì scorso, il 10 luglio, è morto durante «l’ora di spacco»: anziché godersi il momento di pausa, si è recato in un palazzo nelle vicinanze per racimolare qualche soldo con un altro lavoretto, senza contratto. Per 35 euro puliva l’ascensore dello stabile e gli è stata fatale la premura di spolverare anche il lucernaio, senza protezioni. È caduto, un tragico volo di 10 metri.

Il padre Luigi è un idolo per i napoletani, essendo stato un attaccante molto munifico di gol nelle serie minori; condivideva col figlio la grande passione per il calcio e la città si è stretta al dolore di questa famiglia proprio mentre il resto del mondo aveva gli occhi puntati sul pantagruelico ingaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus.
Evito di indugiare troppo sulla sfacciata esuberanza monetaria a cui ci abitua la serie A, mentre un giovane avveduto si rimbocca le maniche per far tornare i propri conti, ben più piccoli e sani.




Leggi anche:
Morte dov’è la tua vittoria? Una storia di resurrezione

Papà Luigi, nella fiumana in piena del dolore, ha pubblicato su Facebook un saluto al figlio in cui addita Salvatore come esempio di umiltà, educazione, generosità.

“Sono tre giorni che ci hai lasciati. Con il cuore a pezzi. Hai distrutto me, tua mamma, amici, parenti e una città intera. Non ho parole, non ci sono aggettivi per dirti quanto mi manchi e quanto manchi a tutti. Io da padre posso solo dirti che sei stato un esempio di questi giovani di oggi. Umiltà, educazione immensa, non sapevi mai dire di no. Ai ragazzi gli dico prendete esempio da lui, da oggi sarà il vostro angelo custode, proteggerà tutti i ragazzi del mondo per una vita rosea”. “Posso solo dirti angelo mio, il tuo papà e la tua mamma sono orgogliosi di te. Riposa in pace, aspettami in paradiso. (da Napoli Today)

Non conoscevo quest’espressione per definire la pausa: l’ora di spacco. Fa pensare a un vaso rotto o a una brutta crepa per terra. Si sente il rumore forte, sordo, secco e senza eco. Spaccare in due la giornata lavorativa, spaccarsi la schiena, spaccare la vita e il cuore di una famiglia. Quanta potenza di senso in verbo che non accetta compromessi. Una frattura è una frattura. Una rottura è una lontananza che non si rimargina.
Il papà e la mamma di Salvatore sentono senza anestetici l’urto di questo spacco anche se i loro occhi si sono spinti su, verso il cielo. Niente da fare, tra noi e gli angeli, tra noi e il paradiso c’è questo spacco. Ed è morte.

Mi capitò, qualche anno fa, di porre la domanda più terribile a una mamma che aveva perso la figlia di 18 anni: come si vive il dolore? Lei fu molto esaustiva e sbrigativa, disse che era come le  mancasse un pezzo di corpo, come le avessero estratto l’intestino.

Ora non riesco più a pronunciare la frase «mi manca» – quando un figlio è lontano anche solo per un giorno – senza sentire una contrazione alla pancia. È lo spacco, solo un minino riflesso.
Il cielo in tutto questo come fa a starci dentro, a lenire l’incomprensibile tragedia che accade e uccide il virgulto in fiore, la promessa, la speranza?


CARLO CASTAGNA

Leggi anche:
«Beato chi abita la tua casa», Carlo Castagna ha raggiunto in Cielo suo nipote, sua figlia e l’amata moglie

Ci sta dentro perché è voluto starci dentro. Dio si è staccato e spaccato a sua volta. Qualche settimana fa ho comprato un libro che speravo lenisse le mie ansie e paure che borbottano dentro, s’intitola Inquietudine. L’effetto sortito è stato l’opposto. Non sono ancora così pronta a dire che sia un bene, ma la prospettiva ribaltata sta generando pensieri nuovi.

  • 1
  • 2
Tags:
giovanilavoromorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
ROSES, TERESA LISIEUX
Annalisa Teggi
Novena delle rose, 5 storie di chi ha ricevuto una carezza da San...
7
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni