Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconFor Her
line break icon

Guardate il dolore di chi perde un bambino non ancora nato

EMPTY PROJECT

@emptyphotoproject/Instagram

Jola Szymańska - pubblicato il 17/07/18

Il progetto ha aiutato le persone ad aprirsi parlando della propria perdita, e a riuscire a guarire

Susana Butterworth ha scoperto la malattia di suo figlio nel marzo 2017. Era il suo primo bambino, e per 36 settimane era cresciuto dentro di lei, sotto al suo cuore. Poi gli è stata diagnosticata una rara malattia genetica: la sindrome di Edwards.

Qualche giorno dopo, purtroppo, suo figlio è nato morto.

Il trauma che Susana e suo marito Dallin hanno sperimentato li ha fatti agire, e così hanno creato un progetto chiamato Empty Photo, che mostra la storia di vita e di morte dei bambini non nati in un modo splendido, pieno di pace e speranza.

In ciascuna delle immagini, una madre o un padre tiene uno specchio all’altezza dell’addome. Lo specchio riflette il mondo esterno ed è un simbolo del vuoto che sentono al posto della vita perduta. Le fotografie sono accompagnate da storie piene di dolore, gratitudine e speranza, e anche da grande desiderio.

L’aborto e le conseguenze per i genitori

Secondo la psicologa Izabela Barton-Smoczyńska, più del 40% delle donne che subisce un aborto, soprattutto quelle che hanno scoperto la morte del proprio figlio in modo improvviso e che ritengono il periodo trascorso in ospedale traumatico, sviluppa un disordine da stress post-traumatico.

Quando la gente intorno a loro non sa bene come reagire, a volte evitano l’argomento e fingono che non sia successo niente, ma questo non fa altro che approfondire il trauma dei genitori, che iniziano ad amare il loro bambino ben prima della sua nascita. Chi perde un figlio non può guarire le proprie ferite se si sente abbandonato e incapace di parlarne, ha spiegato Susana in un’intervista all’Huffington Post.

È per questo che le parole che i genitori dicono ai loro figli in questa campagna sono così importanti. Includono messaggi come “Sono tuo padre. Mamma e papà ti amano. Ti voglio bene, tesoro”. Anche se sono morti molti anni fa, sono ancora ricordati e desiderati. Sono sempre membri della famiglia.

Possiamo imparare a parlarne?

  • 1
  • 2
Tags:
abortodolorefotografie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni