Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconFor Her
line break icon

Anche tu, come questi sub, hai trovato l’abbraccio di Cristo nell’abisso? (VIDEO)

CHRIST OF THE ABYSS STATUE

AFP

Annalisa Teggi - pubblicato il 16/07/18

Le immagini del team di esperti che ha ripulito la statua a 18 metri di profondità in Liguria ci parlano dell'eterna rivoluzione cristiana: essere un innesco di vita che scaturisce dai punti oscuri, dagli angoli dimenticati

Gesù giace a 18 metri sott’acqua a braccia spalancate e con il viso rivolto verso l’alto. Chiunque sprofonda giù, lo trova. Dicono sia una meta classica per i sub.
È il Cristo degli abissi, una statua in bronzo che si trova sul fondale di San Fruttuoso di Camogli in Liguria dal 1954. Qualche giorno fa un team formato da Vigili del Fuoco, sommozzatori della Guardia di Finanza, Carabinieri, Consubin della Marina Militare e archeologi subacquei lo ha ripulito da vari sedimenti e concrezioni che si erano depositati col tempo. Ho guardato e riguardato il video, innamorandomi perdutamente di immagini silenziose che mi parlavano di quanto il necessario – anzi l’indispensabile! – stia in fondo, dimenticato.

Vorrei anch’io venirti a trovare laggiù, Gesù; ma non sono capace di nuotare sott’acqua con le bombole, ho anche paura poi. Però avrei voluto anch’io pulire un pezzettino del tuo corpo, forse i piedi come fa Marta nel Vangelo.


WOMANS LEGS

Leggi anche:
Marta fa cose buone ma Gesù, che la ama, non vuole che si perda il Meglio!

Forse non ci sarei riuscita, mi sarei lasciata convincere a non staccare nulla. Come dare torto a tutti quei microorganismi che si sono attaccati a te; credo abbiano ragione loro – hanno scelto il posto giusto dove dimorare! – e credo che Tu non sia scandalizzato se la tua fisionomia viene coperta e mascherata da chi si aggrappa al tuo volto. Quel giorno che hai chiamato a te i piccoli, ti hanno sommerso vero?

CRISTO DEGLI ABISSI
Yoruno | Italian Wikipedia

E lo sanno bene, quelli che stanno negli abissi: o ci si stringe a una presenza o si annega. Caro Gesù, il tuo posto è sempre stato laggiù nelle acque profonde, in compagnia di quelli che cadono, affondano e non riescono a risalire. Noi non ti abbiamo seguito, spesso. Stiamo sulla cresta dell’onda, a riempirci la bocca di Te.
Commettiamo un grave errore di prospettiva, con tutta questa brama di visibilità: ci abbronziamo di vanità, popolarità, perbenismo sulle sovraffollate spiagge mediatiche, credendo di essere tuoi probi messaggeri; siamo solo altoparlanti di noi stessi.

Quanta parte autentica e viva di mondo è sommersa, non solo dalle acque intendo; ma anche dalla distrazione, dall’indifferenza e dalle altre centomila specie di malvagità umana. È curioso che i nostri criteri di benessere, valore, risorse, felicità siano fondati su una percentuale piccolissima di beni luccicanti, ideologie in vista, esempi urlanti su un piedistallo. Dovremmo forse fare più spesso memoria dell’evidenza che la vita si è generata nei fondali oceanici: l’evento più stupefacente di tutti è sbocciato a profondità pazzesche che rimarranno ignote agli occhi dei più.
Sotto sotto, si dice. Sotto sotto qualcosa tiene e ci sostiene.




Leggi anche:
I 60 anni del Cristo degli abissi

A Camogli, te ne stai sotto sotto, caro Gesù. È buio fitto a 18 metri di profondità, in compagnia di pesci muti, bellissime stelle marine e coralli. Che sia questo messaggio il messaggio per noi, come un tempo lo fu una sperduta capanna in uno sperduto cantuccio dell’impero romano? Il tuo silenzio risponde dall’abisso, più di mille nostre parole a vanvera. Beate le alghe e le conchiglie che si sono attaccate ai tuoi fianchi, alle dita, agli occhi. Hanno compreso il senso della tua presenza eternamente rivoluzionaria; sei un innesco di vita che scaturisce dai margini, dai punti oscuri, dagli angoli dimenticati.

Quanti sub annegati hanno visto il tuo volto prima di spegnersi … quanti uomini invisibili e santi portano il tuo abbraccio a chi è solo e sta per incontrare la morte. Sono dei subacquei dell’anima, capaci di condividere le apnee con chi è disperato e cieco, portando un’ultima boccata d’ossigeno. Ce n’è più d’una sui fondali marini di statue che ti ritraggono a braccia aperte, in Abruzzo ad esempio. Perché tu ci sei, ovunque sia il buio più cupo di un’anima.

CHRIST
Orsa Minore Sub Lanciano

Ho invidiato alle forze dell’ordine quell’idropulitrice con cui hanno scrostato il tuo corpo piantato sul fondale, Gesù. Vorrei averne una nel ripostiglio di casa. Perché il mio abisso spesso sta tra la cucina e il bagno; è nei giorni uguali ai giorni, senza nulla di clamoroso da annotare, che io mi dimentico di te e il tuo volto sbiadisce e si copre di inutili attese, ansie, progetti. Potrei inventarmi una specie di gioco del nascondino: mentre la sera strofino le placche dei fornelli, potrei smetterla di sbuffare e ripulire i pensieri a ritmo delle mani, andare a stanare nella giornata trascorsa dove mi sei stato accanto premuroso e silenzioso, in quale volto degli incontri quotidiani ti sei incarnato. Lucidando lo specchio potrei evitare di fare la faccia stufa e imbronciata e sorridere all’idea che sono fatta a tua immagine.

Anche senza brevetto posso provarci a essere una mamma Consubin, mentre smacchio i vestiti dei figli, imposto la lavastoviglie e lucido il parquet. Magari ci riuscirò una volta su dieci, e andrebbe già più che bene, sarebbe ottimo anzi: pulire per cercare il tuo volto, qui dove sono. Quante ruggini devo togliermi dagli occhi per vederti. Ci proverò.

Tags:
abissogesù cristorestauro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni