Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Molti Giapponesi vivono fino a cent’anni. Qual è il loro segreto?

ELDERLY,JAPANESE,WOMAN
Shutterstock
Condividi

Possiamo anelare a una vita più lunga cambiando i nostri atteggiamenti sull'invecchiamento

Forse è dovuto alla nostra natura di “melting pot”, ma in generale noi Statunitensi siamo affascinati dai valori e dallo stile di vita di altre culture. Soprattutto quando si tratta di suggerimenti per vivere più a lungo e più sani, amiamo attingere alla saggezza di culture più antiche della nostra.

Per quanto riguarda la vita lunga, il Giappone sembra aver capito il segreto. La maggior parte della popolazione ha più di 65 anni, e l’isola di Okinawa (chiamata “la terra degli immortali”) in particolare vanta 50 centenari ogni 100.000 persone. Non solo vivono a lungo, ma sono anche sorprendentemente sani. Molti di loro, infatti, continuano a lavorare anche arrivati a cent’anni.

Qual è il loro segreto? Bevono qualcosa di particolare, o hanno una nuova filosofia di vita a cui dovremmo aderire se vogliamo vivere a lungo e sani come loro?

Purtroppo non c’è alcuna pillola magica che assicuri una vita lunga e felice. Studiando la popolazione di Okinawa, i ricercatori hanno concluso che la sua longevità eccezionale è probabilmente dovuta a una combinazione di fattori che include una dieta bilanciata, attività fisica, mantenimento della salute emotiva e sostegno della comunità.

John Roland Beard, direttore del Dipartimento per l’Invecchiamento e il Corso della Vita presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha sottolineato in particolare un aspetto: “Dobbiamo abbandonare lo stereotipo ormai datato per cui la gente debba andare in pensione, assicurando che i più anziani possano continuare a partecipare attivamente alla società”.

Anziché cercare una soluzione magica per vivere più a lungo, dovremmo forse alterare la nostra percezione fondamentale per la quale le persone più anziane non contribuiscono più alla società, quando invece hanno ancora molto da offrire.

La vecchiaia può essere un periodo molto fecondo, e le persone anziane che vengono valorizzate e che hanno l’opportunità di contribuire con i propri talenti, la propria abilità e la propria saggezza rendono le nostre comunità e la nostra società molto più ricche e vibranti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.