Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
home iconSpiritualità
line break icon

Il segreto degli schermi che seduce tutti

padre Carlos Padilla - pubblicato il 13/07/18

Imparate a utilizzarli per non esserne schiavizzati

Gli schermi hanno qualcosa che attira. Quelli dei cellulari, dei computer, dei tablet… Mi tirano fuori dal mio mondo reale e mi portano fuori, molto lontano, in un altro luogo.

Spesso sono un aiuto che mi mette in contatto con molta gente. Non voglio sminuirli. Come leggevo giorni fa, sono solo strumenti:

“Questo mondo dell’informazione ci offre degli strumenti. E gli strumenti in sé non sono né un problema né una benedizione, ma un’opportunità. Quello che dobbiamo fare è imparare a usarli, e anche individuare le dinamiche-trappola in cui ci possono gettare” [1].

Credo che gli schermi esercitino su di me un potere di seduzione. Mi piace la loro luce, il loro movimento. Mi aprono uno spazio che sembra infinito. Un bosco di cui percepisco solo i primi alberi.

Volo nel futuro, ritorno al passato. E visto che sono curioso mi addentro, cerco. E all’improvviso mi trovo fuori dalla realtà che tocco.

Smetto di ascoltare domande, di guardare negli occhi, di camminare guardando la gente. E lo schermo mi attrae e mi seduce con una forza irresistibile.

Gli schermi hanno una luce speciale. In essi sembra tutto magico. Posso dire ciò che penso senza tanta paura del rifiuto, e nascondere quello che penso senza paura di essere scoperto.

Gli schermi hanno qualcosa che mi sottrae alla tristezza e alla malinconia. Nei giochi mi sento potente, e nelle comunicazioni mi vedo con maggior successo che nella vita reale. Da lontano forse sembra che io abbia un aspetto migliore.

Lo schermo mi cattura e mi lascio trascinare dal suo invito costante a cambiare luogo. Scompaio dalla vista dei presenti. Mi assento pur essendo ancora visibile. Non riesco a scomparire del tutto. Sono piuttosto gli altri a scomparire.

Gli schermi hanno qualcosa di magico. Mi fanno pensare di avere poteri speciali, e mi fanno credere di avere una mente più aperta per fare varie cose allo stesso tempo senza disperdere. Vana illusione.

Gli schermi hanno un tocco quasi divino. Porto nel mio mondo ciò che è lontano, e allontano da me ciò che è invece vicino.

Dico impunemente ciò che voglio. Nessuno mi può danneggiare se decido di spegnere o schermo. È la porta di entrata e uscita.

Gli schermi hanno il potere di cambiare il mio stato d’animo. Una notizia buona o cattiva. Un messaggio che mi fa male o mi rallegra.

Ho scoperto all’improvviso di essere un bambino nell’età di imparare a comunicare. Prima sapevo le cose, ma quando sono apparsi gli schermi ho disimparato quello che avevo appreso. Ho dimenticato ciò che ricordavo. Non ricordo più un unico numero di telefono. Sono diventato più pigro.

Credo che Google sia quel Dio che sa tutto e anch’io, solo per un momento, ho bisogno di saperlo.

Cerco di curare di più quelli che ho vicino, ma uno schermo magico si frappone tra loro e me. Non riesco a vederli come prima, perché hanno priorità i mille avvisi che mi dicono che qualcuno, lontano o vicino, mi chiede qualcosa.

E io, non so se per curiosità, per generosità o per un affanno non riconosciuto di essere necessario, do rapidamente le risposte. Perché l’altro si aspetta l’immediatezza.

Perché è per questo che è stato inventato quello schermo invasivo che altera le mie condotte, le mie abitudini e i miei tempi.

Devo imparare ora, come i bambini, a comunicare davvero. Più che con le parole con i gesti, con il cuore.

L’ho dimenticato, e gli emoticons che invio non possono sostituire i miei abbracci di prima o i miei baci.

Le mie parole esitanti che scorrono sullo schermo non riescono a riempire i vuoti che prima colmavano di vita le mie conversazioni profonde, forse più vere. Sicuramente più umane.

Voglio toccare lo schermo. Come un bambino che scopre nel suo scintillio, nella sua magia, qualcosa di nuovo. Ma decido allo stesso tempo che devo imparare a utilizzarlo. Per non essere uno schiavo legato con le catene. Con un peso ai piedi che non mi lascia muovere.

Voglio lottare per affondare nei legami che ho. Voglio vivere al presente e non lasciar passare il tempo. Voglio essere per gli altri e non nascondermi dietro mille maschere.

Rispondo dall’anima e non voglio solo dare risposte rapide. È quello che voglio. È quello che sogno di fronte a questi schermi magici che catturano il mio sguardo.

———-

[1] José María Rodríguez Olaizola, Bailar con la soledad

Tags:
cellularecomputerschermi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni