Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 05 Marzo |
San Giovanni Giuseppe della Croce
home iconStile di vita
line break icon

Così condivido la mia fede al lavoro senza dire una parola

PROFESSIONAL,WOMAN

CI2 | Plainpicture

Karen Beattie - pubblicato il 13/07/18

Potete essere pienamente voi stessi sul posto di lavoro tenendo a mente queste cose...

Era il Mercoledì delle Ceneri e mi trovavo di fronte a un dilemma. Volevo mettermi le ceneri sulla fronte per commemorare l’inizio della Quaresima e il mio impegno a osservare il periodo di 40 giorni che precede la Pasqua, ma non potevo farlo.

Il pensiero di comparire al lavoro con una grande macchia nera sulla fronte mi faceva sudare freddo. Cosa avrebbero pensato i miei colleghi? Cosa mi avrebbero chiesto? Le persone avrebbero iniziato a fissarmi nei meeting? Avrebbero pensato che fossi troppo pia?

Non fraintendetemi: non mi vergogno della mia fede, ma non voglio essere al centro dell’attenzione. Ho paura di offendere qualcuno, o di mettere a disagio i miei colleghi “indossando” la mia fede sulla fronte.

E allora non sono andata in chiesa, non ho sentito il sacerdote dire “Ricordati che sei polvere e polvere ritornerai” mentre mi metteva le ceneri sulla fronte. Ho mancato un rituale importante della mia fede perché avevo paura.

Lotto spesso chiedendomi quanto mostrare la mia fede al lavoro – o se sia il caso di farlo in generale.

Ho affrontato varie forme di questa lotta fin da quando ero bambina – a scuola o in altri contesti sociali più ampi. Sono cresciuta in una chiesa battista fondamentalista in cui dovevo testimoniare visite porta a porta e prendervi parte. Esortare i vicini a convertirsi al cristianesimo era l’incubo peggiore per una persona introversa, e mi ha traumatizzata. Al liceo pensavo che sarei stata una peccatrice se non avessi cercato apertamente di convincere i miei amici agnostici a passare al cristianesimo. Ricordo di aver invitato un’amica a venire in chiesa con me. Sapevo che non voleva venirci, ma si è sentita in dovere di farlo. Queste esperienze mi hanno lasciata con una sorta di disturbo da stress post-traumatico. Non stupisce che sia esitante al momento di esporre troppo le mie convinzioni religiose nel contesto lavorativo.

Allo stesso tempo, non voglio neanche vivere due vite separate – la mia vita lavorativa e l’“altra”. Voglio una vita integrata.

E allora qual è la soluzione? Come posso avere integrità – non nascondendo parti di me – quando si tratta di fede e lavoro? E quella storia di essere luce e sale? Sapendo che questa situazione conflittuale riguarda molte persone, ho deciso di cercare delle risposte da alcuni esperti spirituali.

Un equilibrio difficile

Per me non si tratta di cercare di convertire alla fede i miei colleghi, ma di sentirmi libera di esprimere liberamente le mie convinzioni attraverso le mie parole e le mie azioni. Ma è una zona grigia. La maggior parte degli impiegati e dei datori di lavoro concorderebbe sul fatto che ci si debba muovere con attenzione.

“Alcuni dei vecchi metodi per condividere il Vangelo sono poco saggi, se non del tutto privi di etica”, afferma Bill Peel, direttore del Centro per la Fede e il Lavoro presso la LeTourneau University e autore di Workplace Grace: Becoming a Spiritual Influence at Work.

“Un modello di evangelizzazione che funziona deve rispettare l’integrità e la vulnerabilità del non credente tenendo conto al contempo della responsabilità del professionista”.

E non solo. Se un impiegato calca troppo la mano al momento di cercare di convertire i colleghi, potrebbe andare contro la legge.

  • 1
  • 2
Tags:
fedelavororeligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
6
PUSTYNIA
Felipe Aquino
Attenzione alle penitenze assurde in Quaresima
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni