Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Questa donna per 54 anni si è nutrita solo dell’Eucaristia

Facebook
La mistica mentre riceve l'Eucairistia. Sarà l'unico cibo quotidiano che assumerà dal 1950 al 2004
Condividi

La diocesi di Otranto sta esaminando le virtù di Antonietta De Vitis, mistica salentina, che avrebbe avuto le stimmate. A lei si richiamano numerose guarigioni straordinarie

I diari e gli scritti di Antonietta sono stati consegnati nel 2013 a Monsignor Donato Negro, Vescovo di Otranto, che ne sta esaminando, a livello diocesano, le virtù e i fatti straordinari che riguarderebbero questa donna.

La malformazione sparita

Ci sono testimonianze di numerose guarigioni attribuite alla sua intercessione. Il Nuovo quotidiano di Puglia (12 luglio) riporta la più recente, già allegata al fascicolo presente in diocesi.

Il presunto miracolo riguarda un bambino affetto da una patologia congenita gravissima, curabile solo con un trapianto di cuore: la mamma, non credente, affida idealmente le sorti del figlio a una conoscente che va al cimitero per pregare sulla tomba di Antonietta De Vitis, mistica nata a Nociglia e deceduta nel 2004 dopo una vita di sofferenze, preghiera e totale ritiro dal mondo: «Io non credo – avverte quella mamma, lasciando aperta una porta alla speranza – ma se vai da Antonietta, prega pure per me e il mio bambino».

Dopo qualche giorno quella mamma si sveglia di soprassalto, perché ha sognato Antonietta De Vitis che le ha detto: «Smettila di piangere, al bambino penso io. Fra qualche giorno, tra l’altro, accadrà qualcosa di spiacevole, ma non ti preoccupare».

Passa ancora qualche giorno e il bambino viene portato all’ospedale “Perrino” di Brindisi, dove è in cura, e i medici restano stupefatti: più nessuna traccia della malformazione, sparita per incanto.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.