Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

Questa donna per 54 anni si è nutrita solo dell’Eucaristia

Facebook
La mistica mentre riceve l'Eucairistia. Sarà l'unico cibo quotidiano che assumerà dal 1950 al 2004
Condividi

La diocesi di Otranto sta esaminando le virtù di Antonietta De Vitis, mistica salentina, che avrebbe avuto le stimmate. A lei si richiamano numerose guarigioni straordinarie

Questa è la storia di una donna silenziosa, che ha lasciato la vita terrena senza clamori. Ma che nella sua terra è considerata da molti una “santa”.

Terziaria francescana, seguace di San Francesco e San Pio, legata a Santa Clelia Barbieri, a Maria Valtorta e sopratutto alla Madonna di Fatima, Antonietta De Vitis, nata nel 1936 a Nociglia (Lecce) ha iniziato il suo cammino di sofferenza il 19 marzo 1950 ed è ritornata al Padre il 19 giugno 2004.

A circa 14 anni si offre al Signore («Il Signore ha messo il sigillo alla Sua creatura e a quattordici anni fui Sua: sposa vergine, fresca di vita, col cuore generoso, pronta ad offrirGli tutto: anche la vita nella sofferenza che brucia», dirà nei suoi scritti).

Facebook

Assorbita dalla mucosa della lingua

Sin dal 1950 Antonietta cessa totalmente di bere e mangiare, situazione che si è protratta per tutta la sua vita trascorsa interamente in un letto di un’umile casa popolare.

Unico suo cibo quotidiano l’Eucaristia; peraltro, come osservato dal suo medico curante che ha attestato la permanente e costante astinenza da cibo e liquidi, non veniva ingerita ma era come assorbita dalla mucosa linguale per scomparire del tutto (Dr. Arturo Benegiamo di Sogliano Cavour, provincia di Lecce).

Tante malattie e fiducia nella preghiera

La sua vita si dipana unicamente tra preghiera incessante (il Rosario in maniera davvero particolare) ed offerta al Signore di se stessa e delle sue sofferenze (avrà numerose malattie: cecità, tubercolosi, emorragie, enfisema, ecc), sino allo stremo.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.