Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Il filosofo Vattimo conversa con Papa Francesco: è il momento di cambiare la teologia

POPE FRANCIS
Pope Francis Photo By Antoine Mekary | ALETEIA - Gianni Vattimo Photo By Ministerio de Cultura de la Nación Argentina From Wikipedia (CC BY-SA 2.0)
Condividi

I due si sentono al telefono. Il filosofo va in pressing e lancia la proposta. Bergoglio "interessato"

Una conversazione spontanea, breve ma piacevole. Così è stata la chiacchierata tra Papa Francesco e Gianni Vattimo, avvenuta qualche giorno fa via telefono.

Il Pontefice ha voluto ringraziare il filosofo italiano, ex politico di sinistra e “padre” del cosiddetto “pensiero debole”, per un libro regalatogli tramite un amico comune. «Questo Papa mi toglie la “vergogna” di dichiararmi cattolico», dice lo studioso a Vatican Insider (10 luglio) a cui racconta alcuni dettagli della conversazione con il Papa, con il quale condivide anche l’anno di nascita (1936).

Il libro su Heidegger

Il libro che Vattimo ha regalato a Bergoglio è il suo lavoro più recente “Essere e dintorni”. A recapitarlo al papa è stato l’argentino Luis Liberman, fondatore e direttore generale della Cattedra del Dialogo e della Cultura dell’Incontro.

Francesco «l’ha preso, l’ha sfogliato, ne ha parlato con Luis che mi ha chiamato mentre era seduto accanto a lui e me l’ha passato al telefono. Abbiamo scambiato alcune parole. Mi ha detto che mi ringraziava per il libro, io ho cercato di spiegare che è un libro di filosofia su Martin Heidegger. Sono molto felice che abbia riscosso l’interesse del Papa», racconta il filosofo.

“Non so se lui sia convinto”

Il filosofo, dopo la chiacchierata con Francesco si dice ancora più convinto che la teologia cattolica necessiti di un rinnovamento. Lui aveva già proposto, quasi in termini controversi, il pensiero di Heidegger per guidare questo cambiamento, in particolare per le sue critiche alla metafisica. Questa critica, dice, oggi potrebbe essere utile alla teologia cattolica ai tempi di Francesco.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni