Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconArte e Viaggi
line break icon

Gli artefatti di Palmira distrutti dall’ISIS verranno restaurati con l’aiuto della Russia

TEMPLE OF BAAL SHAMIN

Joseph Eid | AFP

Zelda Caldwell - pubblicato il 10/07/18

I militanti islamisti hanno danneggiato gravemente la città durante la guerra civile siriana

Archeologi siriani e russi hanno iniziato a lavorare al restauro degli artefatti nell’antica città di Palmira dopo che sono stati gravemente danneggiati dall’ISIS durante la guerra civile siriana.

Prima che il sito archeologico venisse sottratto loro nel 2017, i militanti islamici hanno usato mazze ed esplosivi per distruggere preziosi artefatti, tra cui il tempio del I secolo di Baal-hammon e i leoni calcarei che facevano la guardia al tempio di Al-lāt.




Leggi anche:
«Abbattuto con ruspe e bulldozer». Così’ l’Isis cancella il cristianesimo dall’Iraq

Un gruppo di otto archeologi siriani, con l’aiuto di esperti del Museo Pushkin di Mosca, sta ora restaurando gli artefatti, secondo quanto riporta il Telegraph.

Dopo che le forze russe e l’esercito siriano hanno riconquistato Palmira, un gruppo di esperti dell’UNESCO è stato inviato a valutare i danni provocati dagli islamisti.


Palmyra

Leggi anche:
La bellezza di Palmira: l’archeologia al servizio della fede

Secondo il Telegraph, “statue e sarcofagi troppo grandi per essere rimossi e messi al sicuro sono stati distrutti e deturpati. I busti sono stati decapitati e giacevano a terra”.

L’antica Palmira, situata nella zona dell’odierna Homs, in Siria, era uno dei centri culturali più importanti del mondo secondo l’UNESCO, che l’ha dichiarata Patrimonio Mondiale. A metà del I secolo era un’oasi in cui si fermavano le carovane e venne posta sotto il controllo romano. Dopo che la città in rovina è stata scoperta nel XVII e XVIII secolo, la sua architettura, che combinava lo stile greco-romano con le influenze locali e persiane, ha contribuito a un revival dello stile architettonico classico.

Tags:
isisrussiasiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni