Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Ottobre |
Sant'Evaristo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Conoscete il segreto della gioia che si tramanda di Benedetto in Benedetto?

BENEDETTO XVI, SORRISO

Shutterstock

Benedetto XVI - "Nell'Eucaristia l'adorazione deve diventare unione. Con la Celebrazione eucaristica ci troviamo in quell'"ora" di Gesù di cui parla il Vangelo di Giovanni. Mediante l'Eucaristia questa sua "ora" diventa la nostra ora, presenza sua in mezzo a noi. Insieme con i discepoli Egli celebrò la cena pasquale d'Israele, il memoriale dell'azione liberatrice di Dio che aveva guidato Israele dalla schiavitù alla libertà. Gesù segue i riti d'Israele. Recita sul pane la preghiera di lode e di benedizione. Poi però avviene una cosa nuova. Egli ringrazia Dio non soltanto per le grandi opere del passato; lo ringrazia per la propria esaltazione che si realizzerà mediante la Croce e la Risurrezione, parlando ai discepoli anche con parole che contengono la somma della Legge e dei Profeti: "Questo è il mio Corpo dato in sacrificio per voi. Questo calice è la Nuova Alleanza nel mio Sangue". E così distribuisce il pane e il calice, e insieme dà loro il compito di ridire e rifare sempre di nuovo in sua memoria quello che sta dicendo e facendo in quel momento".

Canone Occidentale - pubblicato il 09/07/18

Non abbiate paura di prendervi del tempo per la preghiera, state appollaiati sulle spalle dei maestri, mettete mano all'aratro per essere pieni di speranza

L’ultimo giorno del pellegrinaggio Gesù, ritto in piedi, avanzò tra la folla dei pellegrini e gridò loro a voce alta: “Se qualcuno ha sete, venga a me, e beva chi crede in me. Come dice la Scrittura: Dal suo grembo sgorgheranno fiumi di acqua viva” [Gv 7,37-38]. Gesù parlava dello Spirito Santo che dovevano ricevere quanti credevano in lui. Quest’acqua viva la si è vista sgorgare durante questo intero pellegrinaggio, nella vostra gioia che è manifesta malgrado la fatica, la pioggia, e tutte le prove che conoscete.


RAGAZZA, CITTA', ATTESA

Leggi anche:
Che gioia grande è stare nel posto che Dio ha scelto per me!

Si tratta della gioia cristiana, una gioia che non è di questo mondo, che sgorga dalla crocee sale verso il Cielo; la gioia cristiana – come ci dice sant’Ambrogio – è la sobria ebrezza dello Spirito: ebrezza per la pienezza di vita spirituale che eleva le anime a Dio nella fede, la speranza e la carità; e sobrietà perché la gioia dello Spirito non è un’esaltazione entusiasta, ma il frutto del sacrificio.

RAGAZZA, MONTAGNA, SORRIDERE
Andreas Berger | Unsplash

San Benedetto ha coltivato questa sobria ebrezza dello spirito. Ha considerato tutta la misura dell’ostilità e del pericolo che rappresentava la decadenza della società romana, la quale si trovava in punto di morte in un’esplosione di risa. Egli ha saputo costruire un bastione entro il quale fu possibile vivere l’autentica gioia cristiana, una piccola città cristiana dove infine regnasse il Vangelo. Sono queste piccole città che hanno dato le radici cristiane all’Europa, e che hanno reso san Benedetto il patrono del nostro continente. Se vi affacciate all’interno di una clausura monastica potrete percepire il segreto di questa gioia che ha fecondato l’Europa di spirito cristiano: vedrete una croce, un libro e un aratro.


FAMILY DINNER

Leggi anche:
Le 6 cose che dovremmo cambiare se applicassimo la Regola di San Benedetto alla vita familiare

Poiché la vita monastica costituisce il cuore della vita cristiana, mi permetto di proporveli come punti di riferimento e fonti di gioia, a voi tutti che siete battezzati. Anche voi, in questi ultimi bastioni che sono le famiglie e le scuole, potete fare scorrere – ancora e sempre – queste fonti d’acqua viva.

CROCE,LIBRO,ARATRO
Shutterstock

La croce

La prima fonte della gioia cristiana è la croce, la croce che si trova al centro dei nostri altari e delle nostre chiese. Essa ci richiama il primato assoluto del culto divino su ogni altra attività umana; è una protesta contro il materialismo esacerbato della nostra società che finisce per svuotare la vita del suo significato. Al contrario, la liturgia dà alla vita il suo pieno significato, il senso della trascendenza assoluta di Dio sulle creature e sugli uomini. Ecco perché san Benedetto ha voluto regolarne tutti i dettagli, affinché Dio sia glorificato in ogni cosa. D’altro canto, la liturgia in san Benedetto è soprattutto il grande mezzo per giungere all’unione intima dell’anima con Dio e alla vita eterna. Per questo fa ritornare instancabilmente i suoi monaci nell’oratorio.

San Benedetto ha dato alla preghiera la parte migliore del tempo, il momento migliore della giornata: non ha avuto paura di “rifiutare” tutto questo tempo per piacere a Dio solo. Non abbiate paura di prendervi del tempo per la preghiera.

Non vi lasciate rubare il tempo dal mondo. Fate come san Benedetto, stabilitevi una regola di vita. Sono in gioco la gloria di Dio e la vita delle vostre anime. Non vi lasciate respingere dalle difficoltà. Ma che la vostra preghiera sia alla misura di quel Dio che vi ama, che è morto per voi sulla croce, affinché possiate vivere nell’eternità in sua presenza e nell’amore. Misurate la vostra preghiera sul vostro destino eterno, che è di diventare un alleluia vivente davanti all’Eterno.

Il libro

La seconda fonte di gioia che troverete in un monastero è il libro, il libro che simboleggia la cultura. San Benedetto ha salvato la cultura antica e l’ha sviluppata esigendo dai suoi monaci che leggessero varie ore al giorno: ha così restaurato il culto del sapere e l’amore della verità. Ciò che non si fa senza difficoltà né senza lavoro, ma altrettanto non si fa senza ricompensa e senza gioia. Al giorno d’oggi è diventata una questione di vita o di morte per le anime e per la società. Perché gli spiriti hanno sempre più bisogno di questa maturità che la cultura rappresenta, per non essere trasportati da tutti i venti di dottrina che soffiano come una tempesta. Non si può che rimanere storditi dal successo mondiale di libri come Il Codice Da Vinci. Ma vi è una posta in gioco ben più terribile a più o meno lungo termine. Quella della pace. La cultura, in effetti, è una condizione indispensabile affinché gli uomini possano vivere insieme nella pace. La società nella quale viviamo è una cultura di morte. Una cultura che veicola in sé e che distilla nelle anime il suo veleno.

CZAS
Aron/Unsplash | CC0

Tale veleno è l’amore di sé fino al disprezzo di Dio e del più debole, è la ragione del più forte.

  • 1
  • 2
Tags:
gioia cristianapapa benedetto xvisan benedetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
7
Gelsomino Del Guercio
Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni