Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Spiritualità

Tutte le volte in cui Gesù ha messo in guardia contro l'inferno

MAN,READING,SCRIPTURE

Hannah Busing | CC0

Tom Hoopes - pubblicato il 09/07/18

L'enorme potere della nostra libertà non è da prendere alla leggera, ed è qualcosa che dovrebbe anche incuterci timore

L’inferno è una dura realtà dell’esistenza umana, contro la quale Papa Francesco ha messo in guardia, che i santi hanno visto in terribili visioni e che le apparizioni del XX secolo hanno sottolineato.

Cosa più importante, Gesù ha messo in guardia nei Vangeli contro l’inferno.

Alla fin fine, la fede dev’essere motivata dall’amore, non dalla paura, ma Gesù ha pensato che sarebbe stato di aiuto offrire vari esempi di dannazione, e ho scoperto personalmente che è molto utile tenerli a mente.

Dopo tutto, come ha detto San Giovanni Paolo II, l’inferno è la salvaguardia della coscienza umana.

Il Catechismo promulgato da Papa Wojtyła nel 1995 spiega l’esistenza dell’inferno descrivendo il peccato mortale, che “provoca l’esclusione dal regno di Cristo e la morte eterna”; “infatti la nostra libertà ha il potere di fare scelte definitive, irreversibili”.

Ma quali sono le scelte che secondo i Vangeli portano all’inferno?

In primo luogo, la decisione di non servire i bisognosi.

In Matteo 25, Gesù presenta la sua grande parabola del giudizio universale, in cui il re separa l’umanità in due gruppi. Accogliendo quelli alla sua destra dice: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi”.

Poi, a quelli alla sua sinistra che non hanno fatto niente di tutto questo dice: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli”.

La sua ragione? “Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”; “ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, non l’avete fatto a me”.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gesù cristoinferno
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni