Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è il senso dell“Amen” all’interno della Messa?

KOMUNIA ŚWIĘTA
Condividi

Quali sono i momenti giusti in cui dire “Amen” a Messa e l’importanza di questa parola

di p. Hugo da Silva Cavalcante, OSB

Partecipando a tante celebrazioni eucaristiche, possiamo far passare inosservati il significato e i momenti in cui diciamo “Amen”, che purtroppo spesso non si sente, altre volte si dice al momento sbagliato o non si dice quando si dovrebbe, ovvero quando è invece obbligatoria la sua manifestazione.

In questo articolo vorrei ricordare quello che stabilisce al riguardo il diritto liturgico. Nel frattempo, vorrei analizzare in campo etimologico il suo significato. In uno dei dizionari più usati della lingua portoghese si trova questa definizione:

“Amen – parola liturgica di acclamazione, che indica consenso fermo, concordanza perfetta, con un articolo di fede; così sia; concordanza; approvazione, consenso, conferma…”

Nella celebrazione eucaristica, l’AMEN è molto frequente, anche nelle celebrazioni quotidiane, e viene pronunciato dai fedeli soprattutto come risposta al presbitero o al vescovo che presiede la celebrazione, o anche da tutta l’assemblea che celebra:

1. All’inizio della celebrazione, subito dopo il segno della croce, quando solo chi presiede la celebrazione dice: “Nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo”. Tutti rispondono “Amen”.

2. In risposta alla preghiera, pronunciata solo da chi presiede la celebrazione e che conclude l’atto penitenziale: “Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna”. Tutti rispondono “Amen”.

3. Alla fine della preghiera colletta, pronunciata solo da chi presiede la celebrazione nelle sue tre possibili forme per la dossologia finale: “Preghiamo… Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio che è Dio, e vive e regna con Te, nell’unità dello Spirito Santo”, o “Per il nostro Signore Gesù Cristo tuo Figlio, nell’unità dello Spirito Santo”, o, se rivolta a Gesù, “Che vive e regna con Te nell’unità dello Spirito Santo”. Tutti rispondono “Amen”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.