Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sfide della nuova vita a due

MAŁŻEŃSTWO
Eric Alves/Unsplash | CC0
Condividi

Vi siete appena sposati o state per farlo? Allora dovete leggere questo testo...

Quando si inizia a fare la valigia e a prendere tutto ciò che ci appartiene, la realtà inizia ad essere evidente. Ricordo come se fosse oggi di essere scesa dalla macchina mentre mio nonno mi stava aspettando. Non ho pianto fino a quel momento.

Quando sono entrata in chiesa, però, ho visto tutte le persone a cui volevo bene lì riunite e il volto del mio fidanzato Gil e non sono riuscita a trattenermi. Era ben più forte di me.

Non si tratta di emozione. Il cammino verso l’altare è come vedere il traguardo di una corsa durante la quale si è corso molto per vincere.

Nel nostro caso era così. Il momento più sublime, più spirituale che abbia mai vissuto. Tralasciamo la luna di miele. Arrivare in una casa nuova, cominciare a sistemare le proprie cose, non sentire più la propria madre che dà consigli è complicato.

Ma calma! Vi abituerete alla vostra nuova vita con tutto ciò che comporta. Niente panico. Nessuno nasce imparato.

Non c’è bisogno di preoccuparsi tanto, la cosa più importante è costruire insieme l’essenza della vostra famiglia. Se si mette Gesù al centro sarà meraviglioso.

I dettagli si aggiusteranno, perché servono molti adattamenti. Alla fin fine, si tratta di due persone che si scoprono, che disegnano su un foglio bianco.

Ora avete delle responsabilità in famiglia. Da questo momento chi detta le regole siete voi.

Sapete qual è l’aspetto incredibile? Gesù ha detto che lo Spirito Santo ci avrebbe insegnato tutto, e allora potete iniziare a rilassarvi e a imparare.

Se una cena non va bene non c’è problema, c’è sempre il pranzo del giorno dopo! Se non avete ancora capito i gusti dell’altro rilassatevi, c’è qualcosa di meglio delle sorprese? Scegliere il lato del letto e dividere le coperte non è una catastrofe.

Alla fine, si tratta di imparare a convivere e di rinunciare a qualcosa per la felicità dell’altro. È la prima tappa di tante che verranno, non abbiate fretta.

Vivete il tempo di Dio, sperimentate la sua volontà buona e perfetta su di voi. Placate la vostra ansia, e confidate innanzitutto nel progetto divino.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni