Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
San Juan Diego Cuauhtlatoatzin
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché siamo tanto miseri?

DOUBTFUL WOMAN

Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 05/07/18

Se la limitazione umana vi fa disperare, cambiate approccio

Mi mi impegno sempre a fare tutto bene, ad essere sempre all’altezza e a non commettere errori. Il danno che posso provocare è così grande… ed è il tanto il bene che Dio può ottenere attraverso la mia vita.

Prendo coscienza dei miei limiti. Assumo che non tutto può dipendere da me. E confido. Non voglio essere mediocre, non voglio imborghesirmi. Voglio vivere la generosità di chi non trattiene nulla per sé.

Sembra tanto semplice… ma poi la vita è esigente. Non mi lamento. Non accampo scuse. Voglio vivere la mia vita con un cuore grato.

Lascio che la grazia di Dio operi in me. Mi apro, mi lascio modellare. Dio può fare tanto in me… Sono tanti i miracoli che posso arrivare a vedere.

Dove ho posto il mio cuore? Soffro per quello che non vale la pena. Mi affanno per ciò che non è un bene per la mia vita. Ho tesori nascosti in campi altrui.

E non riposo totalmente nelle mani di Dio. La fiducia dei bambini mi sembra un ideale irraggiungibile.

Voglio arrivare a toccare le vette. Sembra semplice, ma non lo è. Santo tra i santi. Una chiesa di santi. Così era la prima Chiesa.

A volte mi scoraggio vedendo il peccato degli uomini e il mio stesso peccato. E penso che sia impossibile. Posso cadere nell’atteggiamento scettico di chi non crede nel potere di Dio sugli uomini.

Il peccato è così grande… La debolezza fa tanto danno… Ma tutto perché ho posto lo sguardo su ciò che può fare l’uomo.

Mi sono concentrato solo sulle sue capacità umane, sui suoi doni, su ciò che è ragionevole. Non credo al potere infinito della grazia in me.

Mi costa pensare che Dio possa fare tutto nuovo nella mia anima malata. Mi abbasso perché Dio brilli in me.

Non mi importa che ridano di me, della mia piccolezza, della mia povertà. Non ho niente di cui inorgoglirmi.

Voglio toccare il suo potere nella mia impotenza. Desidero la santità che mi farà felice e mi darà la sua pace. Sogno quella luce che mi illumina il cuore e pone fine all’oscurità.

Dio può fare qualcosa in me. Metto la mia vita nelle sue mani. Il mio cuore ferito nel suo. Egli è il mio vero tesoro, anche se a volte non me ne rendo davvero conto.

Tags:
diodisperazioneuomo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni