Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

Tumori e leucemie in adolescenza. Non lasciamo solo chi deve combattere!

GIRL CANCER

Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 04/07/18

Le malattie oncologiche in età pediatrica possono bloccare il naturale sviluppo di un adolescente: ecco cosa possono fare genitori, medici e insegnanti

Durante l’adolescenza, la scuola rappresenta il punto di partenza e il trampolino di lancio della nostra realizzazione sociale.
Durante l’adolescenza può succedere, seppur raramente, di ammalarsi di tumore o di leucemia. Il nostro ospedale accoglie ogni anno circa 70 ragazzi e ragazze di età compresa tra i 12 e i 18 anni che si ammalano di queste malattie.


SANTARELLI MARRONE

Leggi anche:
La Santarelli invita Emma Marrone per una sorpresa ai pazienti del Bambin Gesù

Il tumore e gli adolescenti

Ammalarsi durante l’adolescenza significa subire un blocco in quel naturale sviluppo che porta l’individuo ad autodeterminarsi,
acquisendo tutte le capacità e le peculiarità necessarie alla propria realizzazione ed identificazione. Ammalarsi significa per un adolescente anche non poter effettivamente frequentare le attività scolastiche, per un periodo (medio) di circa 7 mesi. Sette mesi di frequenti ospedalizzazioni e dimissioni, controlli ambulatoriali, visite specialistiche. Un numero enorme di assenze.
Questo produrrebbe, se non esistesse un percorso ben definito di scuola in ospedale, un congelamento della propria vita.
Inoltre, non potere andare a scuola per così tanto tempo rappresenta anche un problema psicologico, oltre che pratico. La scuola infatti rappresenta il filo che permette al ragazzo malato di riannodare i pezzi della propria vita. Il compito nostro, come sanitari, è garantirlo e tutelarlo. Molti ospedali pediatrici hanno nel loro organico, attraverso un sodalizio con i distretti scolastici, la presenza di insegnanti per le classi inferiori, medie e in alcuni casi superiori. Ciò significa che il percorso di studi, gli esami, le interrogazioni, i compiti possono essere proseguiti durante il periodo di cure.


Maria Rita Pitoni - Connie Yates

Leggi anche:
5 donne eroiche del 2017

Durante le cure

Quando un ragazzo e una ragazza si ammalano, si attiva la domiciliazione scolastica, che garantisce la continuità del progetto educativo in ospedale. Si tratta di un progetto integrato tra il distretto scolastico e quello ospedaliero, che permette di avere il supporto di insegnanti sia in ospedale che a casa. Questo viene vissuto dagli adolescenti come un’opportunità, ma, a volte, anche come un’invasione di spazi che sono abituati a considerare propri. Per gli insegnanti, avere un paziente oncologico nella propria classe può spesso significare sentirsi impreparati di fronte al tema della malattia e in difficoltà nella gestione della classe. Gli stessi familiari potrebbero decidere di non mandare a scuola i propri figli durante il periodo di cura, proprio perché i compagni di classe e gli insegnanti potrebbero non sapere come relazionarsi con il ragazzo malato. La ricaduta psicologica può essere talvolta disastrosa: amarezza, solitudine, emarginazione. L’impatto psicologico dunque non riguarda solo il ragazzo o la ragazza che si ammalano, ma colpisce tutta la sfera scolastica, dal compagno di classe all’insegnante, e può essere riconducibile ad una sola una sola dimensione: la paura della malattia. Paura spesso dovuta alla scarsa informazione sulla malattia. Il miglior modo per depotenziare questa paura è informare adeguatamente sia gli insegnanti sia i compagni di classe, attraverso incontri con gli oncologi e gli psicologi che hanno in cura il paziente. In questi incontri, oltre a parlare della malattia, si può rispondere a tutti i dubbi, le preoccupazioni e le paure che il rapporto con un paziente oncologico può naturalmente suscitare.

Dopo le cure

Dopo le cure è tempo di tornare alla normalità. Frequentare la scuola comporta benefici importanti che si estendono ben oltre l’aspetto prettamente scolastico. Sia per i ragazzi sia per le loro famiglie riprendere la scuola significa normalità, quotidianità, futuro nuovo e pieno di speranze. Questo momento viene spesso è vissuto in maniera naturale. Molti ragazzi durante le cure riescono a mantenere una continuità con l’ambiente scolastico, per cui il momento del rientro è vissuto solo come una ripresa dei vecchi ritmi.

  • 1
  • 2
Tags:
leucemiascuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni