Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cosa sta facendo la Chiesa per evitare scandali sessuali nei seminari?

© Jeffrey Bruno
Condividi

Il problema delle fragilità e delle persone omosessuali che vogliono farsi prete è reale. Un nuovo documento lo sta affrontando. Ecco cosa dice e perché dovrebbero recepirlo fino in fondo (sopratutto i vescovi)

Sul mensile de Il Fatto Quotidiano, Millennium (giugno 2018), un dossier del sociologo dell’Università di Bergamo Marco Marzano riaccende i riflettori su una delicata questione: seminario, sesso, omosessualità.

L’articolo di Marzano parla di un architetto omosessuale di Milano che da giovanissimo era entrato in seminario:

Stanza di un seminario del Nord Italia, pomeriggio d’autunno, subito dopo la ripresa della scuola. Il quattordicenne Carlo e il suo padre spirituale sono sdraiati vicini sul letto, quando il don si alza di scatto e si precipita verso il bagno, in fondo al lungo corridoio del suo appartamento. Dopo qualche istante, Carlo decide di seguirlo, teme che non si senta bene, che possa aver bisogno di aiuto. Quando arriva dinanzi alla porta spalancata del bagno però, lo spettacolo che gli si para davanti non è quello di un adulto che sta male, ma di un uomo in preda a una furiosa eccitazione.

La storia diventa sempre più pruriginosa e innesta tutti quegli elementi secondo cui la normalità nei seminari sarebbe formata da quantità industriale di omosessuali, relazioni tra preti e seminaristi, clima orgiastico, lo psicologo che vuole rimuovere la tendenza, ecc. L’autore per rafforzare questi tesi snocciola dati sul calo delle vocazioni (senza citare le fonti) e cita libri di studiosi anticlericali che dipingono la vita seminariale con scenari da brivido.

La sessualità nel seminario

12:30 pm- Br Bernardino peeking out from the row of seminarians he sits with.

Marzano ingigantisce un problema reale, cioè l’approccio di persone con tendenze omosessuali all’ambito clericale, per corroborare la  tesi secondo cui se cade il vincolo del celibato, si migliora la sessualità dei seminaristi.

Il nostro obiettivo non è quello di rovesciare le tesi del sociologo, né ci interessa controbattere ad un dibattito viziato evidentemente da pregiudizi, ma spiegare, in modo utile e costruttivo, cosa la Chiesa sta facendo per migliorare la qualità della formazione nei seminari.

Cioè fare in modo che la sessualità di chi entra nel seminario non diventi un argomento tabù, né porti ad episodi degeneranti come quello narrato da Marzano, che tuttavia, possono accadere.

Come individuare la vocazione

Nella recente Ratio fundametalis, “Il dono della vocazione presbiteriale”, la Congregazione per il Clero, datata 8 dicembre 2016, quindi in pieno pontificato di Francesco, si danno delle direttive alle Conferenze Episcopali, Istituti di Vita Consacrata, Società di Vita Apostolica, Prelature, Ordinariati militari.

Pagine: 1 2 3 4

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.