Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

«Sono venuto per i poveri, non per te!»

POPE POOR
Condividi

Papa Francesco si presenta all'improvviso alla cena per i poveri promossa dall'Elemosiniere Pontificio elevato a cardinale. E lo prende in giro!

Papa Francesco è arrivato a sorpresa. «Sono venuto per i poveri, non per te», ha detto sorridendo a don Corrado, che chiede di essere chiamato ancora così, nonostante la berretta rossa.

“Don Corrado” è il neo-cardinale polacco Konrad Krajewski, Elemosiniere pontificio, che ha voluto festeggiare la sua nomina a cardinale (nel Concistoro del 28 giugno) con una grande festa dove circa 280 poveri sono stati invitati a cena in Vaticano.

Il Papa si è accomodato su una sedia rimasta libera in un tavolo della mensa usata dai dipendenti vaticani e ha condiviso la cena ed è rimasto circa due ore parlando con i presenti in modo molto familiare e ascoltando le loro storie, spesso di sofferenza ma anche di speranza (Famiglia Cristiana, 30 giugno).

“Konrad mi ha detto di fare posto…”

Una sessantina i volontari presenti che hanno servito la cena ai poveri: tra questi anche Carlo Santoro, della Comunità di Sant’Egidio, che collabora con l’Elemosineria apostolica nell’assistere i senzatetto a Roma.

«E’ stata una visita di calore un po’ speciale – ha detto Santoro – perché era un pranzo di un neo-cardinale con i poveri. Con grande sorpresa di tutti è arrivato il Santo Padre. Pensavamo che fosse un semplice saluto e che sarebbe andato via durante la cena. Invece, improvvisamente, don Konrad mi ha detto di fare posto vicino a me e ha fatto sedere il Papa. Il Papa ha salutato tutti con grande affetto».

Il rifugiato venuto da Lesbo

Al tavolo con Santoro, Konrad e il Papa erano seduti diversi rifugiati siriani arrivati a Roma tramite i corridoi umanitari di Sant’Egidio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni