Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«Sono venuto per i poveri, non per te!»

POPE POOR
Il Papa insieme
Condividi

Papa Francesco si presenta all'improvviso alla cena per i poveri promossa dall'Elemosiniere Pontificio elevato a cardinale. E lo prende in giro!

Papa Francesco è arrivato a sorpresa. «Sono venuto per i poveri, non per te», ha detto sorridendo a don Corrado, che chiede di essere chiamato ancora così, nonostante la berretta rossa.

“Don Corrado” è il neo-cardinale polacco Konrad Krajewski, Elemosiniere pontificio, che ha voluto festeggiare la sua nomina a cardinale (nel Concistoro del 28 giugno) con una grande festa dove circa 280 poveri sono stati invitati a cena in Vaticano.

Il Papa si è accomodato su una sedia rimasta libera in un tavolo della mensa usata dai dipendenti vaticani e ha condiviso la cena ed è rimasto circa due ore parlando con i presenti in modo molto familiare e ascoltando le loro storie, spesso di sofferenza ma anche di speranza (Famiglia Cristiana, 30 giugno).

“Konrad mi ha detto di fare posto…”

Una sessantina i volontari presenti che hanno servito la cena ai poveri: tra questi anche Carlo Santoro, della Comunità di Sant’Egidio, che collabora con l’Elemosineria apostolica nell’assistere i senzatetto a Roma.

«E’ stata una visita di calore un po’ speciale – ha detto Santoro – perché era un pranzo di un neo-cardinale con i poveri. Con grande sorpresa di tutti è arrivato il Santo Padre. Pensavamo che fosse un semplice saluto e che sarebbe andato via durante la cena. Invece, improvvisamente, don Konrad mi ha detto di fare posto vicino a me e ha fatto sedere il Papa. Il Papa ha salutato tutti con grande affetto».

Il rifugiato venuto da Lesbo

Al tavolo con Santoro, Konrad e il Papa erano seduti diversi rifugiati siriani arrivati a Roma tramite i corridoi umanitari di Sant’Egidio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.