Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Una mamma e il figlio disabile sono stati derisi per strada a Bergamo

BULLISMO, RAGAZZE, VIOLENZA
Shutterstock
Condividi

C'è chi deride la fragilità altrui e chi può ridere di gioia perché amato in ogni fibra del suo essere

Aprendo la mia pagina Facebook, ieri, ho visto un post condiviso da una mia amica in cui una mamma di Bergamo chiedeva di diffondere la notizia di ciò che le era capitato. È una vicenda di quotidiana tristezza, amarezza; ma forse si può farne uno spunto propositivo, non solo limitandosi a sfoghi istintivi.

I fatti, innanzitutto.

Erika Defendi è mamma di un figlio diplegico di 15 anni; la deambulazione del ragazzo è quindi fortemente complicata. Sono usciti a piedi insieme a prendere un gelato, gesto di tenerissima evasione giornaliera. Abbiamo bisogno di questi piccoli momenti familiari tra noi, detto per inciso.

A un semaforo rosso mamma e figlio vengono affiancati da un gruppo di giovanissime, impegnate in chiacchiere che le esaltano: discoteche, grandi disponibilità economiche da spendere in giro. Erika nota anche come sono vestite, e non è un dettaglio marginale o solo moralistico.

Le vediamo tutti queste ragazzine col corpo completamente esposto, pantaloncini ascellari e top che somigliano più che altro a reggiseni. Il corpo in mostra, in questa scena, ce l’ha anche il ragazzo accanto a loro … anche lui non può fare a meno di mostrare la sua unicità, forse non proprio adeguata ai canoni di esuberanza corporea che vanno di moda su Instagram.

Le sue difficoltà motorie si palesano quando scatta il verde e la camminata riprende. Le giovani, rimanendo alle spalle della coppia mamma e figlio, cominciano a bestemmiare e a mimare l’andatura difficoltosa del loro coetaneo sconosciuto. Come è lecito aspettarsi, Erika difende suo figlio e si rivolge alle ragazze accusando il loro gesto vigliacco. È suo figlio a rassicurarla e le dice: «Mamma, le persone così ignoranti vanno ignorate, io faccio così».

Qui la parola chiave è proprio «ignorare».

Voglio per un attimo capovolgere lo sguardo e rivolgermi alle ragazze in questione, senza cattiveria. Tutto ciò che hanno mostrato di sé, nei pochi minuti della loro comparsa, mostra una mancanza: ignorano la bellezza di sé. Hanno bisogno di ostentare un corpo, un’allegria ebbra di discoteche e soldi. Manifestano un vuoto di gioia.

Perché deridere l’altro significa incapacità di ridere di sé. Ed è un aspetto cruciale per un giovane imparare quella forma di amore profondissimo che è la gioia di essere amato come creatura inevitabilmente imperfetta, e necessaria al mondo.
A loro, proprio a loro, è stato mandato un messaggio vivente per strada: un ragazzo diplegico che va a prendere un gelato con la mamma.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni