Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 01 Dicembre |
San Charles de Foucauld
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Una mamma e il figlio disabile sono stati derisi per strada a Bergamo

BULLISMO, RAGAZZE, VIOLENZA

Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 28/06/18

C'è chi deride la fragilità altrui e chi può ridere di gioia perché amato in ogni fibra del suo essere

Aprendo la mia pagina Facebook, ieri, ho visto un post condiviso da una mia amica in cui una mamma di Bergamo chiedeva di diffondere la notizia di ciò che le era capitato. È una vicenda di quotidiana tristezza, amarezza; ma forse si può farne uno spunto propositivo, non solo limitandosi a sfoghi istintivi.

I fatti, innanzitutto.

Erika Defendi è mamma di un figlio diplegico di 15 anni; la deambulazione del ragazzo è quindi fortemente complicata. Sono usciti a piedi insieme a prendere un gelato, gesto di tenerissima evasione giornaliera. Abbiamo bisogno di questi piccoli momenti familiari tra noi, detto per inciso.

[protected-iframe id=”7ea4f745f82e947023e1e4513247afba-95521288-57466698″ info=”https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fdefendi.erika%2Fposts%2F10214544135070711&width=500″ width=”500″ height=”297″ frameborder=”0″ style=”border:none;overflow:hidden” scrolling=”no”]

A un semaforo rosso mamma e figlio vengono affiancati da un gruppo di giovanissime, impegnate in chiacchiere che le esaltano: discoteche, grandi disponibilità economiche da spendere in giro. Erika nota anche come sono vestite, e non è un dettaglio marginale o solo moralistico.


POPE CONFIRMATION

Leggi anche:
Mamma riceve la cresima con la figlia, disabile, dalle mani di Francesco e gli regala un rosario di pietre di scarto (VIDEO)

Le vediamo tutti queste ragazzine col corpo completamente esposto, pantaloncini ascellari e top che somigliano più che altro a reggiseni. Il corpo in mostra, in questa scena, ce l’ha anche il ragazzo accanto a loro … anche lui non può fare a meno di mostrare la sua unicità, forse non proprio adeguata ai canoni di esuberanza corporea che vanno di moda su Instagram.

Le sue difficoltà motorie si palesano quando scatta il verde e la camminata riprende. Le giovani, rimanendo alle spalle della coppia mamma e figlio, cominciano a bestemmiare e a mimare l’andatura difficoltosa del loro coetaneo sconosciuto. Come è lecito aspettarsi, Erika difende suo figlio e si rivolge alle ragazze accusando il loro gesto vigliacco. È suo figlio a rassicurarla e le dice: «Mamma, le persone così ignoranti vanno ignorate, io faccio così».

Qui la parola chiave è proprio «ignorare».

Voglio per un attimo capovolgere lo sguardo e rivolgermi alle ragazze in questione, senza cattiveria. Tutto ciò che hanno mostrato di sé, nei pochi minuti della loro comparsa, mostra una mancanza: ignorano la bellezza di sé. Hanno bisogno di ostentare un corpo, un’allegria ebbra di discoteche e soldi. Manifestano un vuoto di gioia.


MAN,FEED

Leggi anche:
Il video dello stagista di un ristorante che aiuta un disabile a mangiare diventa virale

Perché deridere l’altro significa incapacità di ridere di sé. Ed è un aspetto cruciale per un giovane imparare quella forma di amore profondissimo che è la gioia di essere amato come creatura inevitabilmente imperfetta, e necessaria al mondo.
A loro, proprio a loro, è stato mandato un messaggio vivente per strada: un ragazzo diplegico che va a prendere un gelato con la mamma.

Era una mano tesa al loro evidente vuoto nel cuore, era una voce che diceva: «guarda la felicità com’è semplice! Non temere di essere chi sei, anche non adeguata ai canoni del mondo, c’è chi ti ama così unica». Hanno ignorato il messaggio. O forse – inconsapevolmente – lo hanno colto, ne sono state così ferite da volerlo sbeffeggiare.
La repulsione beffarda può suscitare una giusta indignazione, ma deve anche essere letta come una richiesta di aiuto di emergenza.


MADDEN HUMPHREYS

Leggi anche:
Madden e i bulli? Sua madre ha scommesso sulla compagnia e non sulla polemica

Il soccorso più adeguato viene proprio da quel genere di gruppi umani che la società emargina, le istituzioni vessano di burocrazia, le ideologie presuntuose additano come «peso» per la comunità.
Una famiglia come quella di Erika, che porta in dote l’accoglienza della malattia come impegno quotidiano, è una delle risorse più grandi del nostro paese. Perché si fonda sull’autenticità della relazione umana, e non sul buonismo di facciata.
Siamo assetati di relazioni fondate sulla pietas, siamo assetati di una gioia che abbracci i nostri corpi tremanti e cuori ansiosi.

DISABILI, COMPAGNIA, INSIEME
Shutterstock

L’economia, ci dice l’etimologia della parola, parte dalla famiglia. Le relazioni domestiche, soprattutto se si aprono all’accoglienza della persona umana nelle sue mille forme di fragilità, sono il nostro petrolio nascosto, eppure alla luce del sole.
È perciò fonte di speranza quanto dichiarato di recente dal neo ministro della famiglia e disabilità, Lorenzo Fontana:

Viviamo in un mondo nel quale è diffuso il relativismo che vuole creare un uomo individualista, isolato, privo di legami, semplice produttore e consumatore. Un numero. La famiglia invece porta relazioni, educazione, senso di comunità, ma questo non conviene al sistema economico oggi predominante, che fa di tutto per diffondere una cultura ostile alle relazioni e alla vita. […] Il grado di civiltà di una nazione si misura anche su quanto è in grado di aiutare chi è più in difficoltà e ai margini, come le famiglie con disabili, spesso ignorate, ma che sono formate da veri eroi dai quali dobbiamo prendere esempio, valorizzandoli. Non devono sentirsi più soli, se continuassimo ad abbandonarli tradiremmo le nostre radici. Si parla tanto di spread e niente di disabilità, ma è qui che dobbiamo spendere risorse. (da Avvenire)
Tags:
bullismodisabilifamiglia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni