Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Questo vescovo ha trasferito più di 40 preti. Il Vaticano avvia un’indagine

Condividi

Accade a Memphis. Diocesi in subbuglio. Intanto le messe sono sempre meno affollate e le offerte in preoccupante calo

Il Vaticano ha aperto un’indagine per capire cosa sta succedendo nella diocesi di Memphis, negli Stati Uniti.

Il vescovo attuale, nominato nel 2016, Martin Holley, ha deciso in questi anni di trasferire in altre parrocchie ben 42 parroci (www.cdom.org).

I motivi li sa lui, probabilmente anche giustificati, ma la decisione ha fatto infuriare i parrocchiani di tutta la diocesi. Così molti di loro hanno deciso di seguire i loro ex parroci nelle nuove parrocchie abbandonando le loro. Il risultato? Il crollo delle offerte in soldi, nella misura di migliaia di dollari alla settimana (Il Sussidiario, 25 giugno).

La posizione del vescovo

The Commercial Appeal (22 giugno) racconta l’atmosfera pesante che si respira a Memphis. I sostenitori di Holley lo descrivono come un uomo santo e premuroso, e sostengono che la riassegnazione delle parrocchie è normale e alcuni dei trasferimenti erano in ritardo.

Il vescovo ha anche invitato i media locali, rispetto alla visita di due inviati del Vaticano che devono approfondire le tensioni in diocesi, a rivolgersi all’Ufficio Comunicazioni Sociali diocesano per ottenere qualsiasi chiarimento.

La risposta dei fedeli

Molti fedeli, dal canto loro, la pensano diversamente. Cathy Hurdle, una cattolica di lunga data che ha frequentato l’Incarnation Church a Collierville per 5 anni e mezzo, ha accolto favorevolmente l’inchiesta. «Sono entusiasta di questo, e spero che l’indagine convalidi tutte le nostre lamentele e ripristini l’umore, l’eccitazione, la dedizione e l’impegno per la nostra fede nella diocesi, che abbiamo avuto prima che (Holley) è salito a bordo».

La responsabilità del Pastore

Come lei la pensano molti altri fedeli che hanno inviato al vescovo una serie di lettere di protesta per i cambi di parrocchia agli oltre quaranta sacerdoti. «Il vescovo – ha detto ancora Cathy, tra le portavoce della protesta, «è responsabile di assicurare che i parrocchiani siano felici della loro leadership parrocchiale e, più di ogni altra cosa, far parte della comunità diocesana».

Crollo delle donazioni

«Non dovremmo seguire i nostri preti, tu stai nella tua parrocchia, vai in chiesa lì, non importa cosa succede, resti dove sei stato piantato», ha detto June Taylor, membro dell’Immaculate Conception a Midtown.

Secondo i bollettini delle chiese, le donazioni a questa chiesa sono diminuite di migliaia di dollari ogni settimana da quando l’ex prete è stato spostato. Molti parrocchiani hanno seguito il sacerdote nel suo nuovo incarico. Un fenomeno che si è esteso a macchia d’olio in altre parrocchie della diocesi (Local Memphis, 22 giugno).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni