Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 21 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconNews
line break icon

Giornalista argentina si oppone all’aborto e viene cacciata dal canale televisivo per cui lavora

AMALIA GRANATA

Twitter Amalia Granata

Esteban Pittaro - pubblicato il 28/06/18

“E pensare che se fossi nata in un'altra epoca mi avrebbero bruciata sul rogo! Ma non mi faranno tacere”, ha detto dopo il licenziamento

Un funzionario del Governo della città mangia una torta a forma di Cristo e viene confermato nel suo incarico. Una giornalista si esprime contro l’aborto e perde il lavoro. Così vanno le cose in Argentina.

La giornalista Amalia Granata, che lavorava per Canal Nueve, è stata cacciata dal programma Todas las tardes. Il motivo, formalmente e per come hanno riconosciuto le autorità del canale, è un tweet in cui rimprovera l’atteggiamento di chi promuove la depenalizzazione dell’aborto non reclamando una migliore prevenzione contro il tumore al seno. Il contesto ha a che vedere con la morte recente per questa malattia della figlia di María Eugenia Fernández de Laprida, personaggio popolare in Argentina come una delle Trillizas de Oro.

“Il tumore al seno è la prima causa di morte delle donne in Argentina, non le vedo con il fazzoletto verde mentre chiedono allo Stato prevenzione e tomografie per le più vulnerabili #coherencia #CuidemosLasDosVidas”, ha scritto la Granata. Né la madre né la famiglia della giovane scomparsa ha rimproverato la Granata. Anche loro, nel dolore dell’accompagnamento della malattia della ragazza, si erano espresse con la stessa chiarezza della giornalista contro l’aborto.

Diego Toni, gestore dei contenuti di Canal Nueve, ha tuttavia spiegato alla radio La Once Diez: “Amalia ha espresso un commento infelice in un momento infelice, soprattutto per la famiglia Laprida. Noi abbiamo interpretato quel tweet come molti mezzi di comunicazione importanti, e per questo ci è parso prudente sospendere momentaneamente Amalia. Spero che non sia per sempre, perché tutti abbiamo il diritto di sbagliare”.

  • 1
  • 2
Tags:
abortogiornalista
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
PADRE ALDO TRENTO
Il blog di Costanza Miriano
Se un prete si innamora di una donna. Padre Aldo racconta la sua ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni