Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconStile di vita
line break icon

Perdonare è poter viaggiare nel passato e tornare senza dolore

katsiarynaka2 - Shutterstock

A MENTE É MARAVILHOSA - pubblicato il 27/06/18

Il rancore è un veleno, ma siete voi a decidere se assumerlo o meno

Quando ci fanno del male, la nostra reazione immediata è non voler perdonare. Ci sentiamo offesi, delusi, e in certi casi profondamente addolorati, ma questa reazione tanto comune e naturale ha anche le sue difficoltà.

È vero che a breve termine mantenere il rancore può impedire che il danno prosegua, ed è per questo che in genere non perdoniamo subito la persona che ci ha fatto soffrire. Ma se continuiamo a serbare rancore per una persona per molto tempo, è come se fossimo mentalmente prigionieri di una situazione che non esiste più. Questo ci provocherà ogni tipo di sentimento intenso, che può arrivare a provocarci una sofferenza superflua.

Due degli stadi più negativi che la mente può mantenere, e che si verificano per il fatto di non saper perdonare in tempo, sono l’odio e la rabbia. Seneca ha descritto l’odio e la rabbia come le emozioni più terribili e frenetiche. In molte occasioni, i danni che ci provocano sono molto superiori ai possibili benefici che possono arrecarci se continuiamo a serbare rancore.

Perdonare chi ci ha danneggiato, però, non è facile quanto desiderare di farlo. Una volta che accettiamo gli effetti negativi del fatto di mantenere l’odio e vogliamo imparare a perdonare le persone che in passato ci hanno fatto soffrire, la domanda successiva è evidente: come possiamo riuscirci?

Se qualcuno incontra una persona ferita da una freccia, non perde tempo a chiedersi da dove sia venuta per analizzare di che tipo di legno è fatta; al contrario, si concentrerà nel tentare di estrarla immediatamente per minimizzare le lesioni. Dovremmo fare lo stesso con la sofferenza, eliminandola quanto prima, senza lasciare altro spazio perché continui a danneggiarci. Di seguito descriveremo alcune delle ragioni più potenti per iniziare a praticare il perdono.

  • 1
  • 2
Tags:
perdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni