Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come due promesse hanno trasformato un bambino di sei anni in un calciatore di fama mondiale

ROMELU LUKAKU
AP
Condividi

La partecipazione del calciatore belga Romelu Lukaku a questi Mondiali è la risposta alle sue preghiere

Molti bambini sognano di diventare una stella del calcio per amore della fama, della gloria o semplicemente dello sport, ma un calciatore di classe mondiale, Romelu Lukaku, ha deciso che sarebbe diventato un campione di calcio alla tenera età di sei anni, di modo che i suoi genitori poveri non avrebbero più dovuto fare a meno dell’elettricità o allungare il latte con l’acqua.

In una forte intervista concessa a The Players’ Tribune, l’attaccante belga ha raccontato un episodio della sua infanzia che lo ha influenzato così profondamente da determinare il suo futuro.

Durante la pausa pranzo a scuola, Lukaku tornò a casa trovando la madre che gli preparava da mangiare: sempre pane e latte – ed era anche il suo primo pasto della giornata, visto che non facevano mai colazione. Vide sua madre aggiungere dell’acqua al latte e capì che erano non solo poveri, ma completamente al verde. Al padre non era rimasto più un soldo della sua carriera da calciatore professionista, e sua madre non aveva un lavoro. Stavano senza elettricità per settimane, e una tazza di acqua calda diventava una doccia di fortuna.

Quando si rese conto di tutto questo Lukaku rimase in silenzio, non volendo che la madre “si stressasse”. Bevve il suo latte annacquato, ma ricorda quel momento come se fosse accaduto solo ieri: “Quel giorno ho fatto una promessa a me stesso… Sapevo esattamente cosa dovevo fare e cosa avrei fatto”.

La risposta era il calcio.

Determinato a offrire alla madre una vita migliore, ha riunito tutte le sue forze e le sue preghiere per trasformare il suo sogno in realtà.

“Ricordo che ero seduto al buio con mio fratello e mia madre. Recitavo le preghiere e allo stesso tempo pensavo, credevo, sapevo che sarebbe succeso”, ha confessato il giocatore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.