Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 01 Dicembre |
San Charles de Foucauld
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Cucinare è un’arte divina per gustare la bellezza della famiglia

MANI, FARINA, FAMIGLIA

Shutterstock

Pane e Focolare - pubblicato il 25/06/18

La Regola di San Bendetto vale anche in casa nostra? Sì, insegna l'ordine e la creatività, la carità e l'arrichimento reciproco

Nel post precedente, ho fatto cenno al problema anche educativo e sociale della diminuzione dell’impegno in cucina. Per spiegarvi perché, parto dal monachesimo.
Ho avuto tante occasioni di parlare del contributo che esso ha dato alla buona cucina e alla buona tavola: birra, vino, formaggi, marmellate, infusi, distillati, basta che un cibo abbia un marchio monastico e acquista subito caratteristiche di qualità e affidabilità.
San Benedetto attraverso la sua Regola ha dispensato consigli molto preziosi anche per la famiglia e in genere per ogni comunità: metterli in pratica significa vivere i valori di carità, rispetto, collaborazione, armonia, arricchimento reciproco.


CIBO SPAZZATURA GOLA

Leggi anche:
Perché aumenta la voglia di mangiare e diminuisce il gusto di cucinare?

Canto Gregoriano
© DR

Oggi vorrei soffermarmi sull’aspetto del lavoro manuale, dell’artigianato e sull’influsso che i valori del monachesimo hanno avuto sulle arti e sulla bellezza. Andiamo a scoprire se, recuperando i valori della comunità monastica, riusciamo a riportare qualità e bellezza sulla tavola, e di conseguenza anche nella società e nella famiglia, istituzioni in crisi, ma che possono trovare aiuto e ispirazione nell’intramontabile insegnamento del santo di Norcia.




Leggi anche:
Il monaco che porta Gesù nelle aziende

Una premessa: San Benedetto non ha mai parlato di arte, nella sua Regola. Eppure i libri scritti dagli amanuensi sono splendidamente miniati, le biblioteche hanno spettacolari intarsi, i paramenti dei sacerdoti sono finemente ricamati, i cori lignei sono bellissimi, per non parlare delle architetture delle chiese, delle sale capitolari, degli stessi refettori.

MINIATURE, LIBRO, MEDIOEVO
Shutterstock

E il cibo è eccellente. La coscienza umana e religiosa dei monaci, la loro carità e l’amore a Dio e al prossimo li spinge a fare tutto in modo perfetto, portando come conseguenza la bellezza del prodotto. Il rapporto tra uomo e ambiente è anche reciproco: l’uomo modella l’ambiente e l’ambiente a sua volta influisce sull’uomo, lo plasma a sua immagine e somiglianza.
Scrive don Massimo Lapponi nel libro “San Benedetto e la vita familiare” (Libreria Editrice Fiorentina, 2009):

«Spolverando con cura delle statuine di porcellana si impara a trattare il prossimo con delicatezza e rispetto. Se a questo si aggiunge l’impegno, spesso assai arduo, di trasfondere nei materiali e negli oggetti d’uso l’espressione sensibile della propria creatività e del proprio amore per un ideale estetico umano e religioso, il lavoro diventa nello stesso tempo altamente educativo, come dominio dell’anima sul corpo e sul mondo sensibile, e fonte di intima gioia per sé e per gli altri».

Non pensate che queste considerazioni si possano applicare anche al mondo della tavola? La produzione artistica di oggetti per la tavola e la realizzazione di piatti di gastronomia non sono forse espressione di una manualità, di una creatività artistica artigianale che trasmette messaggi educativi, formativi, che eleva l’uomo e produce un arricchimento per la compagnia che saprà godere di quella bellezza e qualità?

La cucina è una palestra di vita, è generosa laboriosità applicata a vantaggio del prossimo, è un luogo ideale per insegnare l’umiltà e il servizio, la disciplina e l’ordine, ma anche la creatività, l’innovazione, la voglia di fare gruppo e di condividere successi e crescita.
Al contrario, la perdita della buona abitudine di mettere impegno nella attività culinaria, va a discapito non solo del piacere puro e semplice del mangiar bene, ma anche dell’educazione al vivere in comune e della maturazione psicologica e sociale.




Leggi anche:
Le 10 ricette più gustose cucinate in abbazie e conventi

Scrive ancora don Lapponi:

«Si può comprendere il danno causato dalla quasi totale sparizione del lavoro artistico artigianale nella vita quotidiana delle famiglie [NdR: ad esempio apparecchiare una bella tavola, cucinare una torta, impastare gli gnocchi, cucinare un brasato] e dalla sua sostituzione con il lavoro puramente mentale astratto dello studio scolastico, con l’attività professionale fuori casa e con giochi e divertimenti fondati su artifici elettronici e spettacoli televisivi assorbiti per ore passivamente. Si è notato nei giovani di oggi un disordine materiale e mentale che viene facilmente corretto con l’impegno assiduo in attività manuali e artigianali. Vorrei aggiungere che l’attuale decadenza delle arti belle in gran parte dipende, senza alcun dubbio, dalla mancanza di quella base familiare artigianale di cui abbiamo detto, che nessuna accademia può sostituire.»

MAMMA, FILGI, CUCINA
Shutterstock

Cucinare è un lavoro artigianale al quale ci si può dedicare con profitto e divertimento, gratificazione e generosità. Ed è anche educativo e formativo. E’ un team building in famiglia che favorisce la coesione del gruppo e la formazione del carattere: è una strada verso la bellezza.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
cucinafamigliasan benedetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni