Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconStile di vita
line break icon

Cucinare è un’arte divina per gustare la bellezza della famiglia

MANI, FARINA, FAMIGLIA

Shutterstock

Pane e Focolare - pubblicato il 25/06/18

La Regola di San Bendetto vale anche in casa nostra? Sì, insegna l'ordine e la creatività, la carità e l'arrichimento reciproco

Nel post precedente, ho fatto cenno al problema anche educativo e sociale della diminuzione dell’impegno in cucina. Per spiegarvi perché, parto dal monachesimo.
Ho avuto tante occasioni di parlare del contributo che esso ha dato alla buona cucina e alla buona tavola: birra, vino, formaggi, marmellate, infusi, distillati, basta che un cibo abbia un marchio monastico e acquista subito caratteristiche di qualità e affidabilità.
San Benedetto attraverso la sua Regola ha dispensato consigli molto preziosi anche per la famiglia e in genere per ogni comunità: metterli in pratica significa vivere i valori di carità, rispetto, collaborazione, armonia, arricchimento reciproco.


CIBO SPAZZATURA GOLA

Leggi anche:
Perché aumenta la voglia di mangiare e diminuisce il gusto di cucinare?

© DR

Oggi vorrei soffermarmi sull’aspetto del lavoro manuale, dell’artigianato e sull’influsso che i valori del monachesimo hanno avuto sulle arti e sulla bellezza. Andiamo a scoprire se, recuperando i valori della comunità monastica, riusciamo a riportare qualità e bellezza sulla tavola, e di conseguenza anche nella società e nella famiglia, istituzioni in crisi, ma che possono trovare aiuto e ispirazione nell’intramontabile insegnamento del santo di Norcia.




Leggi anche:
Il monaco che porta Gesù nelle aziende

Una premessa: San Benedetto non ha mai parlato di arte, nella sua Regola. Eppure i libri scritti dagli amanuensi sono splendidamente miniati, le biblioteche hanno spettacolari intarsi, i paramenti dei sacerdoti sono finemente ricamati, i cori lignei sono bellissimi, per non parlare delle architetture delle chiese, delle sale capitolari, degli stessi refettori.

MINIATURE, LIBRO, MEDIOEVO
Shutterstock

E il cibo è eccellente. La coscienza umana e religiosa dei monaci, la loro carità e l’amore a Dio e al prossimo li spinge a fare tutto in modo perfetto, portando come conseguenza la bellezza del prodotto. Il rapporto tra uomo e ambiente è anche reciproco: l’uomo modella l’ambiente e l’ambiente a sua volta influisce sull’uomo, lo plasma a sua immagine e somiglianza.
Scrive don Massimo Lapponi nel libro “San Benedetto e la vita familiare” (Libreria Editrice Fiorentina, 2009):

«Spolverando con cura delle statuine di porcellana si impara a trattare il prossimo con delicatezza e rispetto. Se a questo si aggiunge l’impegno, spesso assai arduo, di trasfondere nei materiali e negli oggetti d’uso l’espressione sensibile della propria creatività e del proprio amore per un ideale estetico umano e religioso, il lavoro diventa nello stesso tempo altamente educativo, come dominio dell’anima sul corpo e sul mondo sensibile, e fonte di intima gioia per sé e per gli altri».

Non pensate che queste considerazioni si possano applicare anche al mondo della tavola? La produzione artistica di oggetti per la tavola e la realizzazione di piatti di gastronomia non sono forse espressione di una manualità, di una creatività artistica artigianale che trasmette messaggi educativi, formativi, che eleva l’uomo e produce un arricchimento per la compagnia che saprà godere di quella bellezza e qualità?

  • 1
  • 2
Tags:
cucinafamigliasan benedetto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni