Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Avevate mai visto un prete prendere a schiaffi un neonato? No? E ora che lo avete visto…?

PRETE SCHIAFFEGGIA BAMBINO
Public Domain
Condividi

È diventato virale il video di un anziano sacerdote francofono che durante un Battesimo ha dato uno schiaffo al battezzando che piangeva. Oltre al concetto di notiziabilità inseguito da certe grandi testate, occorrerrebbe porre attenzione anche al gusto morboso di quanti in un modo o nell'altro esorcizzano in quel povero vecchio fantasmi che abitano tutti noi

Anche a me – come presumo già pure a molti fra voi – hanno mandato nei giorni scorsi un link pubblicato sul sito del Corriere della Sera: vi si mostrava qualche decina di secondi del rito di un battesimo amministrato in un Dipartimento Francese d’Oltremare; l’anziano sacerdote provava a consolare il catecumeno neonato e dopo poco, non riuscendoci, gli ha mollato un tanto repentino quanto rapido schiaffetto. Non che non si vedesse, eh: lo schiaffo c’è stato, s’è visto e si è sentito (altrimenti perché mai il Corriere si sarebbe interessato a un battesimo?); si aveva però come l’impressione che al vecchio prete la sberla fosse “scappata”.

Lo dico per minimizzare? Ci mancherebbe… È che mentre vedevo il video m’è tornato in mente come dal pozzo del passato il commento lapidario che per un analogo episodio espresse una signora del paese vicino a quello dei miei genitori: «Don Antonino* c’ha l’arteria…».

E io – che ero alle elementari e avevo da poco imparato che le arterie erano una classe di grossi vasi sanguigni comuni a molte specie del regno animale – non riuscivo a vedere il nesso: pensavo infatti che le arterie le avessimo tutti, e di sicuro non immaginavo che per il fatto di averle potessimo essere indotti a gesti come quello di don Antonino.

Ma cosa era accaduto, dunque, perché la savia donna ragguagliasse me e mia madre del fatto che don Antonino “aveva l’arteria”?

Ricorreva la festa di carnevale, e per qualche motivo quell’anno non andammo alla sfilata dei carri del mio paese natale, bensì a quella del paese accanto: lì era parroco (o semplicemente dava una mano, ora non ricordo) don Antonino, che lì era stato tutta la vita ma che veniva anche lui dal paese dei miei. Solo che me, come immaginerete, non mi conosceva.

Conquistato ai furori carnascialeschi, dunque, irruppi ad un tratto nella chiesa centrale armato di un pugno di coriandoli e recando in bocca una trombetta a nastro a mo’ di buccina. Lo spavaldo ed eroico gesto fu stroncato sul nascere dalla nera tonaca di don Antonino, che severamente fermò nell’aria il mio pugno ancora aperto, sospeso sui coriandoli che avevo sganciato sul sacro suolo, e da quella medesima estremità mi trascinò fuori dal portone, sull’androne, di modo che anche il mio squillo rivoluzionario risultasse donchisciottescamente strozzato: «Questa è una chiesa!», ringhiò il severo sacerdote respingendo il mio empio ardore. E io conservo nel cuore il suo rigore da inquisitore come l’ombra di uno scuro gigante che segnava durissimi e giusti limiti alla mia espansività. Ma non dissi niente, in quel momento: ero pieno di terrore e comunque non ne avrei avuto modo, visto che era prontamente intervenuta mia madre (dove diavolo era acquattata?).

Sì, don Antonino: lui ha sbagliato a entrare così in chiesa, però è solo un bambino, e oggi è carnevale. Non si è regolato nel passaggio tra la piazza e la chiesa, di questo chiediamo scusa, però lei non faccia così!

Se il mio ricordo dice il vero, il vecchio prete biascicò qualcosa e subito mollò la presa del mio polso. In questo il video dell’anziano sacerdote che, dopo lo schiaffo e il rimbrotto corale dei famigliari, (vanamente) tentava di calmare il piccolo catecumeno, mi ricordava la mia trasgressiva avventura d’infanzia.

Ecco, don Antonino «aveva l’arteria» ma non era cattivo né – tantomeno – pazzo. Quando anni dopo morì (e ormai era tornato al paese natale a dare una mano al giovane parroco) Giulio* – lo storico ministrante della parrocchia, un signore affetto da sindrome di down che divide le giornate tra la bottega del barbiere e la sagrestia del prete – mi chiese incredulo, davanti al feretro esposto in camera ardente: «Ma questo è don Antonino?» – «Sì – dissi io aggiungendo: – Non lo riconosci?». Ma Giulio non mi rispose: si era avvicinato alla salma, aveva preso il crocifisso messo sul suo petto e con mano sicura vi aveva tracciato tre segni di croce. Poi aveva deposto il crocifisso lì al suo posto, sullo sterno del fu don Antonino, con un fare confidente aveva posto la destra sopra le due cerulee mani del cadavere congiunte a mo’ di preghiera. E disse:

Ah, quante messe t’ho servito a te!

Ecco, mi pare che da questo siparietto tra Giulio e il fu don Antonino vengano alla luce tante cose sui preti, sulla loro vita silenziosa, sul lento e costante spendersi in una comunità… e con una comunità. Quanto sarebbe ingiusto se qualcuno avesse filmato il duro (ed arteriosclerotico) rimbrotto alla mia infantile intemperanza… e se il ricordo di don Antonino fosse ora legato a quell’episodio. Meno male che all’epoca nessuno portava in tasca una telecamera pronta a mandare in mondovisione le magagne altrui.

Perché al di là di tutto c’è una questione che m’interroga amaramente, quanto al video di quel povero prete francofono: a che scopo quanti gli avevano chiesto di battezzare il loro bambino hanno ritenuto che fosse in qualche misura buono o giusto divulgare quel minuto scarso di registrazione?

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni