Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«Era come avere mille aghi nelle mani»

Public Domain
Condividi

La confessione del primo frate che ha visto le stimmate di Padre Pio. Il cappuccino di Pietrelcina era in un bagno di sangue

Febbraio 1919. Fino a quel momento l’unica persona ad aver visto le stimmate di Padre Pio è il guardiano del convento di San Giovanni Rotondo, Padre Paolino.

Il frate decide di parlarne con il Superiore, Padre Benedetto. Paolino è ancora scosso per quello che ho visto. Roberto Allegri ricostruisce quel colloqui in La dolcezza del fuoco” (Ancora editrice).

“Stava piangendo..”

«Nel pomeriggio – dice Paolino al Superiore – Pio non era sceso a mangiare. Ogni tanto lo fa, resta a lungo in preghiera, siamo abituati. Sono salito, sono passato dalla sua cella. La porta era socchiusa e ho sentito che stava piangendo. Ho bussato, gli ho chiesto se stava bene. E lui ha emesso un gemito come se in quel momento fosse stato colpito. Allora sono entrato».

Color del vino

Padre Pio, ricorda Padre Paolino, «era sul letto e attorno a lui c’erano pezze e stracci tutti insanguinati. Si era fasciato le mani. Si era tolto i sandali e anche i piedi erano avvolti nelle bende. Credo avesse usato la federa del cuscino. C’era molto sangue su questi tessuti, così tanto che da bianchi erano diventati color del vino. È stato come se mi fossi sentito trafiggere da mille aghi. Sono corso verso di lui, col cuore in gola. Pio mi ha guardato e nei suoi occhi ho visto una pena così grande che mi ha piegato le gambe e ho dovuto mettermi seduto».

padrepiodapietrelcina.com

“Come avesse preso la scossa”

Paolino gli chiede come si è ferito. «Pio è rimasto in silenzio, le lacrime che scendevano sul viso. Ha allungato le mani verso di me. Io allora ne ho presa una e devo averla schiacciata inavvertitamente perché lui ha fatto un salto, come avesse preso la scossa. Gli ho chiesto scusa e molto lentamente ho sciolta la fasciatura. E…».

Un buco che sanguinava

A quel punto il frate confessa la presenza delle stimmate. «La mano di Pio era bucata. Forata, trapassata come da uno scalpello. Era impressionante. Sul palmo ma anche sul dorso… un buco. Un buco che sanguinava. Io restavo lì, immobile. Non sapevo dire niente, guardavo e stavo per sciogliere le bende dell’altra mano quando Pio mi ha detto, con un filo di voce: “Anche qui…”».

Le ferite sul costato

Padre Pio solleva adagio il saio, e Paolino vede che sul petto del frate di Pietrelcina c’è una ferita. «Non proprio sul petto, tra le costole. Ed era impressionante, Benedetto. Davvero impressionante. Era come una X, come due tagli uniti. Era uno squarcio profondo, scuro perché c’era molto sangue. E questo sangue si muoveva insieme al respiro di Pio. E la pelle e la carne, sui bordi della ferita, erano come se fossero state bruciate. Pio ci stava tenendo premuto un asciugamano e questo era intriso di sangue e un altro liquido più chiaro».

Cosa è accaduto?

Padre Paolino a quel punto guarda fisso il suo Superiore. «Cosa è accaduto al nostro Pio?», chiede con voce strozzata. «È come penso? È davvero così? Pio ha davvero i segni del Signore? Come san Francesco?».

«Non lo so, Paolino. Non lo so – risponde Bendetto – Ma sono sicuro che c’è una spiegazione. Per adesso, è importante che la cosa resti qui, tra le mura del convento. Ma sarà difficile. So che altre persone hanno visto le ferite, durante la Messa. Bisogna però che stiamo attenti. Devo parlarne al Generale. Poi vedremo. Poi, vedremo, caro Paolino».

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.