Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Santa Teresa de los Andes
home iconApprofondimenti
line break icon

ONU, record di sfollati nell’ultimo anno: i numeri da tenere sempre a mente prima di parlare

ROHINGYA

Steve Gumaer-(CC BY-NC 2.0)

Paul De Maeyer - pubblicato il 22/06/18

Anzi, è proprio il contrario, sottolinea il rapporto dell’agenzia ONU: sono i Paesi in via di sviluppo, “molti dei quali sono disperatamente poveri e ricevono scarso sostegno per prendersi cura di queste popolazioni”, ad ospitare l’85% circa dei rifugiati che rientrano sotto il mandato dell’UNCHR, ovvero 16,9 milioni di persone.

Tra i Paesi più virtuosi spiccano senz’altro il Libano, la Giordania e la Turchia. Quest’ultima Nazione ospita infatti sul suo territorio circa 3,5 milioni di profughi, soprattutto persone sfuggite al dramma che si sta consumando nella vicina Siria. Impressionanti sono anche le cifre relative al Pakistan e all’Uganda, che ospitano entrambi 1,4 milioni di rifugiati. Ma mentre la Repubblica islamica del Pakistan è un gigante demografico di più di 210 milioni di abitanti (censimento del 2017), il Paese africano conta circa 35 milioni di abitanti.

La Nazione invece che continua ad ospitare la proporzione di rifugiati più alta rispetto alla propria popolazione rimane il Libano. Secondo i dati dell’ONU, nel “Paese dei Cedri” almeno una persona su sei è un rifugiato. In Giordania questa proporzione scende a una persona su 14 e in Turchia a una su 23.

Se si includono poi anche i profughi palestinesi assistiti dall’organizzazione sorella dell’UNHCR, cioè l’UNRWA, allora queste proporzioni salgono a una persona su tre in Giordania e a una su quattro in Libano. In questi ultimi due Paesi mediorientali numerosi rifugiati si trovano in un limbo giuridico: infatti sia Amman che Beirut non hanno aderito alla Convenzione di Ginevra sul diritto d’asilo e perciò non garantiscono lo status di rifugiato.

Europa

Da parte sua, il Vecchio Continente ha accolto alla fine del 2017 circa 6,1 milioni di rifugiati, un numero che costituisce un forte aumento rispetto al 2014, quando erano circa 2,3 milioni. Se si esclude però la Turchia, la quale ospita attualmente 3,5 milioni di rifugiati, allora questa cifra scende a 2,6 milioni.

L’unica Nazione europea che figura nella “top 10” dei Paesi più accoglienti è la Germania della cancelliera democristiana Angela Merkel, che nel 2015 decise di aprire le porte del Paese ai profughi. Con 970.400 rifugiati a fine 2017, di cui 496.700 provenienti dalla Siria e 130.600 dall’Iraq, la Germania si trova al sesto posto della classifica dell’UNHCR.

Nonostante le grandi preoccupazioni in Europa per quella che viene percepita come una vera e propria invasione, l’incidenza dei rifugiati sulla popolazione dei singoli Paesi rimane comunque bassa. I due Paesi con il rapporto più alto tra rifugiati e abitanti sono Svezia e Malta, con rispettivamente 23,4 e 18,3 rifugiati ogni mille abitanti (dati relativi al 2016). E anche se le coste italiane sono tra le principali porte d’ingresso per i rifugiati in Europa, il “Bel Paese” si trova — con 2 rifugiati ogni mille abitanti — tra gli ultimi della classifica.

Spartiacque

“Ci troviamo a uno spartiacque, dove il successo nella gestione degli spostamenti forzati a livello globale richiede un approccio nuovo e molto più comprensivo, in modo che i Paesi e le comunità non vengano lasciati a se stessi ad occuparsene”, così ha detto l’alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi.

Ma c’è anche spazio per speranza, ha dichiarato il diplomatico italiano. “Quattordici Paesi stanno già sperimentando un nuovo piano per rispondere alle situazioni dei rifugiati e tra pochi mesi un nuovo Global Compact on Refugees sarà pronto per essere adottato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite”, ha detto.

Da parte sua, il segretario generale delle Nazioni, António Guterres, ha dichiarato martedì 19 giugno scorso durante una conferenza stampa a Lørenskog, Norvegia, che “le migrazioni sono un fenomeno inevitabile”. E, così ha aggiunto l’ex primo ministro portoghese, “se sono una necessità, allora è preferibile organizzarle, regolarle in modo che si svolgano in un quadro di cooperazione tra Paesi, affinché tutti possano trarne beneficio, specialmente coloro che oggi si trovano in condizioni disperate”. Guterres sa del resto benissimo di che cosa sta parlando: è stato dal 2005 al 2015 alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Il rapporto dell’UNHCR è arrivato senz’altro in un momento molto delicato per quanto riguarda la questione migratoria e i diritti dei rifugiati. Lo dimostrano la vicenda della nave Aquarius con 629 migranti a bordo alla quale è stato impedito di fare ingresso in un porto italiano e la politica di tolleranza zero dell’amministrazione Trump, ma anche la nuova legge approvata — ironia della sorte — mercoledì 20 giugno dal parlamento ungherese. La nuova normativa vieta alle ONG di venire in aiuto ai migranti.

Conviene tenere a mente le parole di una rifugiata rohingya in Bangladesh. “Il mio messaggio al mondo è che non voglio essere un rifugiato. Voglio che si possa tornare a casa nostra”, ha detto la 55enne Mutaybatu.

  • 1
  • 2
Tags:
immigrazioneonurifugiati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
2
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
3
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
4
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni