Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 16 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Lettera aperta a mio figlio battezzato

WOMAN,HAND,WRITING

Shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 22/06/18

di Genevieve Perkins

Caro Figlio,

i miei genitori mi hanno battezzata tre mesi dopo la mia nascita. Non me lo ricordo. Non mi è stato chiesto se volevo essere battezzata o meno, né sarei stata in grado di capire o rispondere. E ora sono grata che l’abbiano fatto.

Abbiamo deciso di fare lo stesso per te. Abbiamo scelto con cura dei padrini e abbiamo chiesto a tuo nonno, un diacono, di battezzarti. È stato un giorno molto speciale con tanti amici e familiari, ma non ricorderai niente. Non può essere annullato. Non hai avuto voce in capitolo.

Se mai fossi invidioso vedendo a Pasqua altre persone che vengono battezzate di loro spontanea volontà e abbastanza adulte da ricordarselo, ti preghiamo di ricordare perché abbiamo fatto quello che abbiamo fatto e di rinnovare di cuore le tue promesse battesimali.

Alcuni potrebbero pensare che il Battesimo sia più per i genitori che per il bambino, ma visto che dobbiamo alimentare la vita che Dio ci ha affidato (Catechismo, n. 1251), abbiamo scelto questo per te, credendo che fosse il meglio. Fin dall’inizio della Chiesa, i cristiani hanno creduto in questo.

Appena è cominciata la tua vita abbiamo pensato al tuo Battesimo, di modo che potesse iniziare anche la tua vita di fede (CCC, n. 1236). Come tuoi genitori, vogliamo condividere tutto ciò a cui diamo importanza, che amiamo e per cui pensiamo che valga la pena di morire. La fede è così importante per noi che non volevamo che conoscessi la vita senza di essa.


BAPTISM

Leggi anche:
Perché consacrare un bambino alla Madonna in occasione del suo Battesimo?

Come noi moriremmo per te, sappiamo che Gesù è morto sulla croce per tutti noi, e con questa fede sei stato portato al fonte battesimale.

Il Battesimo non è solo una cerimonia simbolica o un rituale arcaico. Il Battesimo è un sacramento santo, in cui si riceve la grazia santificatrice. “La grazia santificatrice non ci dà una nuova anima – entra nell’anima che abbiamo già”, scrive Frank Sheed in Theology and Sanity, aggiungendo che l’uomo “rinasce col Battesimo, attraverso il quale ottiene un posto nel Regno”, che è quello per cui sappiamo che sei stato creato.

Quando la gente lo voleva, gli apostoli battezzavano interi gruppi familiari, che includevano neonati, bambini, adolescenti e adulti (CCC 1257, 1252; Atti 16, 27-33, Atti 16, 15, 1 Corinzi 1, 16; Tradizione della Chiesa).




Leggi anche:
3 santi che si emozionavano ricordando il proprio Battesimo

Patrick Madrid, in Where is That in the Bible?, scrive: “Nel Vangelo di Matteo, il termine greco usato per indicare i bambini è paidia, una parola generica che non indica un’età in particolare. Nel Vangelo di Luca, però, vediamo oltre a paidia un altro termine greco per indicare i bambini: bre’phe, che significa neonati, bambini troppo piccoli per camminare e che quindi non hanno potuto conoscere Cristo per capacità proprie. Questi neonati, dice Luca, venivano portati a Cristo dagli adulti, molto probabilmente dai genitori, di modo che Cristo potesse toccarli. Nel sacramento del Battesimo, Cristo tocca l’anima con la sua grazia e la sua vita (cfr. anche Matteo 19, 13-15; Luca 18, 15-17).

Il Battesimo, che significa essere lavati o puliti, viene considerato dai cristiani degno del massimo onore; è il lavacro con l’acqua mediante il potere della parola vivente (Rito del Battesimo per i Bambini; CCC 1230, 1228; Sant’Agostino). Dalla Didakè (un’antica istruzione cristiana) alle varie forme odierne, il Battesimo ha bisogno di acqua versata sul capo della persona accompagnata dalle parole ‘Io ti battezzo nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo’. È questo che ci si è stato insegnato da Cristo e che ci è stato detto di fare (Matteo 28, 19; Giovanni 3, 5)”.




Leggi anche:
3 santi che si emozionavano ricordando il proprio Battesimo

Mediante il Battesimo sei stato unito a tutti gli altri battezzati, anche quelli che non sono in piena comunione con la Chiesa cattolica ma sono stati validamente battezzati (Rito del Battesimo per i Bambini). Sei una parte del Corpo di Cristo.

Quando sei stato battezzato sei stato reso una nuova creatura in Cristo, inserito nel Corpo di Cristo, membro della Chiesa, e ti è stato dato un segno indelebile che non può essere eliminato dal peccato, “sebbene il peccato impedisca al Battesimo di portare frutti di salvezza” (CCC 1272). Speriamo che il peccato non impedisca questo fiorire e preghiamo di allevarti di modo che tu scelga Cristo in tutto nella tua vita.

Ma se non sarà così sei comunque battezzato.




Leggi anche:
Cosa mi ha insegnato sul Battesimo il film dei Minions

Perché, come piccolo bambino innocente, dovresti aver bisogno di questo segno indelebile? Come persone umane siamo tutti nati con una natura caduta, e per essere liberati dal peccato originale e dal potere dell’oscurità anche un neonato dev’essere battezzato (CCC 1250). “La Chiesa e i genitori priverebbero quindi il bambino della grazia inestimabile di diventare figlio di Dio se non gli conferissero il Battesimo poco dopo la nascita” (CCC 1250).

Da neonato, non sei stato in grado di professare la fede da te o di discernerla come un adulto, ma non dovevi essere privato del sacramento. Ci si aspetta che tu venga allevato nella fede per accettare la fede in cui sei stato battezzato (Rito del Battesimo dei Bambini; CCC 1231).

E allora non essere invidioso del fatto che il tuo amico che ha frequentato i corsi di iniziazione cristiana ricordi l’incredibile esperienza di ricevere la grazia sacramentale dal Battesimo. Rallegrati con lui, perché ora anche lui hanno un posto in Cielo come parte del Corpo di Cristo, membro della Chiesa. Siete entrambi sulla via della santità, etrambi rinati in momenti diversi dopo la nascita fisica. Siete stati benedetti ad essere portati nella Chiesa dai vostri genitori; lui è stato benedetto a unirsi alla Chiesa dopo aver ascoltato il Vangelo ed essersi convertito.

Volgiti costantemente a Cristo nella tua vita di fede. Offri ogni giorno la tua vita a Gesù. Conosci la fede profonda che amiamo, la Sacra Scrittura e la Tradizione sacra, la fede e la ragione intrecciate, le suore e i sacerdoti…




Leggi anche:
8 cose da sapere se si vuol “provare” il battesimo degli ortodossi

Se lascerai la Chiesa, arrabbiato e amareggiato nei confronti della fede dei tuoi genitori, sappi che ti ameremo sempre, che pregheremo per te e che crediamo di averti dato il più bel dono che potevano offrirti chiedendo alla Chiesa di battezzarti.

I genitori si preparano ad accogliere un figlio con conti bancari, ricerca delle scuole migliori, acquisto del seggiolino più comodo eccetera, ma non basterebbe se non ti mettessimo sulla retta via e non ti proteggessimo spiritualmente donandoti completamente a Dio. Il Battesimo è stato il dono più grande che potevamo farti.

Speriamo di allevarti in modo tale che tu possa scegliere di continuare a crescere nella fede e fiorire nella vita con Cristo. E se sarai benedetto avendo figli a tua volta, ti preghiamo di portare anche loro al fonte battesimale.

Dio ti benedica,

i tuoi genitori




Leggi anche:
Come dovrebbe essere il nome di battesimo?

QUI L’ORIGINALE

Tags:
battesimoeducazionelettera
Top 10
See More