Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconSpiritualità
line break icon

Il padre spirituale di Padre Pio e la preghiera che vale “più di mille preghiere”

Isabelle Cousturie - pubblicato il 22/06/18

L’atto di abbandono insegnato da Gesù al cappuccino italiano don Dolindo Ruotolo è l’ideale contro le angosce di fronte alle difficoltà della vita.

Dolindo – che rimanda alla parola “dolore” in napoletano – è un terziario francescano originario di Napoli che la Chiesa venera come servo di Dio e la cui causa di beatificazione è in corso. Nato a Napoli il 6 ottobre 1882, è morto il 19 novembre 1970 dopo una vita di grazie mistiche e di doni straordinari: saper leggere nei cuori. Ma tanti privilegi gli valsero gelosie e accuse, calunnie e condanne – fino a finire davanti al Sant’Uffizio per un interrogatorio e a subire la sospensione a divinis a due anni dall’ordinazione (1905). Don Ruotolo ha accettato tutto, senza mai reclamare giustizia o giudicare la Chiesa per le sue decisioni. Come gli aveva predetto il suo superiore: «Sarai martire, ma nel cuore, non nel sangue». Ed egli ha sopportato tutto senza mai vacillare.




Leggi anche:
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio

Un profondo conoscitore della bontà di Dio

Totalmente riabilitato nel 1939, don Ruotolo avrebbe rinforzato la propria vita spirituale, moltiplicato i sacrifici e il servizio presso i più bisognosi, i disperati e le persone alla ricerca di un senso da dare alle loro vite. Ritenuto un maestro di vita spirituale, scrisse e pubblicò delle brochures e delle opere religiose destinate a un largo pubblico; intrattenne una corposa corrispondenza con figli e figlie spirituali – e non soltanto –, spiegando loro come fare la volontà del Signore in mezzo a mille difficoltà da superare. Era anche stato il direttore spirituale di Padre Pio, a Pietrelcina, e il cappuccino aveva per lui una tale stima da dire ai pellegrini che da Napoli venivano a vederlo: «Perché venite qua se avete Don Dolindo a Napoli? Andate da lui, ché è santo!».


PADRE PIO

Leggi anche:
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitava questa preghiera

Avere fiducia in Gesù

Don Ruotolo non è che “preghiera”, “servizio” e “sacrificio”. In seguito a una visione di Cristo ha consegnato alla Chiesa un atto di abbandono che Gesù stesso gli aveva ispirato, ideale per vincere le angosce a fronte delle difficoltà della vita.- Quando vedete che le cose si complicano, chiudete gli occhi e dite semplicemente:

Gesù, mi abbandono a te: pensaci tu.

Questa preghiera, assicura frate Ruotolo, è la più corta ma «vale più di mille preghiere». Raccomandava a tutti di non dimenticarla mai. Di ripeterla tutte le volte che fosse necessario. «Chiudete gli occhi e lasciatevi portare dalla corrente della mia grazia. Chiudete gli occhi e lasciatemi agire», esortava nel nome di Gesù.


PADRE PIO, SAN PIO,

Leggi anche:
10 insegnamenti di padre Pio per dare una scossa alla tua vita

E se questa preghiera è reputata infallibile è perché – come ha detto Gesù attraverso questo sant’uomo che l’ha vissuto in prima persona –

quello che vi perturba e che vi causa un immenso male è il vostro ragionare, il vostro pensare, la vostra ossessione e il fatto di volere a tutti i costi risolvere da voi stessi ciò che vi affligge.

Mentre abbandonarsi a Gesù significa «staccare lo spirito da ogni tribolazione» e lasciare che il Signore agisca, lasciare agire «Lui solo». E se la situazione degenera? Nessun problema, Gesù ha promesso: «Te lo dico, ci penso io: intervengo come un chirurgo e se serve opero un miracolo».




Leggi anche:
Ecco le preghiere prima di dormire che devi conoscere

[Traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
preghierasan pio da pietrelcina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni