Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Grazie agli amici che hanno rischiato grosso per strapparmi alla depressione

RAGAZZA, MANI, DEPRESSIONE
Condividi

Sheila piangeva da 19 giorni consecutivi, incapace delle cose più semplici; poi i suoi amici hanno osato una mossa vincente e l’hanno salvata

Con una storia semplice e toccante ritorniamo a parlare della depressione, che ruba l’anima a così tante persone vicine a ciascuno di noi. Le storie vere, di vita vissuta, hanno il senso di farci vedere quanto sia importante l’intraprendenza personale: ciascuno conosce i propri cari e amici in modo unico e può quindi usare le risorse migliori e più adatte a chi si trova nel bisogno.

Sheila O’Malley si occupa di cinema a New York, e questa potrebbe essere la premessa di un racconto di allegria e successo. La foto del suo profilo Twitter è l’immagine di una bellissima donna coi capelli rossi, e un occhio pesto; chi l’ha colpita duramente è stata la depressione.
All’indomani di alcuni suicidi eccellenti negli USA, Sheila ha deciso di condividere la sua sofferenza, insieme a una cura inaspettata che è arrivata grazie alla benedetta sfrontatezza dei suoi amici.

«Dopo la morte di mio padre stavo così male che non ricordo il 90% di quel periodo. Traslocai in un nuovo appartamento e non riuscii a disfare i pacchi. Per mesi. Mi vergognavo di non riuscirci. Quell’anno piansi per 19 giorni consecutivi».

Non c’è immagine più chiara per descrivere l’empasse e la chiusura a riccio che la depressione provoca in una persona. La cosa più difficile diventa accorgersi di essere bloccati in modo irrevocabile e avere il coraggio di chiedere aiuto. Perciò il prossimo tassello della storia ci dice quanto sia importante tenersi reciprocamente gli occhi addosso: guardare le persone attorno a noi con l’occhio della premura. («Perché non si fa più sentire?» – «Perché dice sempre no se lo invito a uscire?» – «Perché parla a monosillabi?»).

Un amico di Sheila corse il rischio di fare il passo più grande della gamba, ma ne valeva la pensa. Si chiama David e le fece sentire tutto il suo supporto affettivo in quel momento cupo della vita, non bastò. Decise allora di organizzare un’incursione in casa, senza avvertire Sheila: lui e altri amici bussarono alla sua porta, entrarono nonostante lei fosse titubante, aprirono i pacchi e sistemarono tutto l’appartamento.

«Hanno sistemato i miei 1500 libri nella libreria, appeso le fotografie, mi hanno organizzato l’armadio e appeso i vestiti. Intanto qualcuno in cucina preparava i tacos. Altri portarono la birra. A fine serata l’intero appartamento era a posto».

L’invasione domestica, per quanto motivata da un buono scopo, poteva essere un gesto pericoloso: Sheila ammette che fu come sentirsi nuda a mostrare tutta la sua vulnerabilità. C’era il grosso rischio di peggiorare le cose. Alla fine è lei stessa a dare la chiave di lettura giusta: guardando tutta la banda all’opera in casa sua, le sembrò di essere nel laboratorio di Babbo Natale.

RELATIONS
Uber Images - Shutterstock

Anche lui piomba in casa all’improvviso, e porta i regali. Gli amici di Sheila le hanno portato l’ipotesi del dono più bello: apri le tue valigie, non chiuderti, spalancati a qualcosa di nuovo, spalanca anche il tuo dolore, condividilo con noi.

La libertà non è solo rispettare lo spazio altrui, lasciarlo in pace. La libertà di chi ti ama sa prendersi dei rischi. L’affetto degli amici butta giù muri, e come Orfeo viene a ripescarci dall’inferno se necessario.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni