Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Sono convintissimo che è stato tutto dono del Signore”. Anche il cancro

Condividi

Le bellissime parole del testamento del prete di Ponticelli, Don Agostino Cozzolino, già Servo di Dio, che si avvia verso la beatificazione

Potrebbe diventare uno dei beati più recenti, poiché è salito al cielo il 2 novembre 1988, dilaniato da un cancro al pancreas. Ma sopratutto è stato un pastore fuori dal comune, a cui, oggi, dovrebbe ispirarsi ogni sacerdote.

Don Agostino Cozzolino, Servo di Dio, è stato parroco per venti anni alla “Madonna della Neve” a Ponticelli, operando in uno dei quartieri più difficili di Napoli noto per una forte presenza della camorra sul territorio.

Un lavoratore instancabile, vicino alle tante famiglie disagiate da essere definito il “Curato d’Ars” del quartiere, poiché ricordava la dedizione alla sua piccola comunità di San Giovanni Maria Vienney. Sabato 23 giugno sarà commemorato con una celebrazione nella sua parrocchia. 

Leggi anche: Inizia il processo di beatificazione per don Oreste Benzi

La scoperta del tumore

Bontà e carità erano i principi dell’evangelizzazione di Don Agostino, che stava raccogliendo frutti insperati sopratutto tra i più giovani. Poi, nel 1987 la scoperta di un tumore che non lasciava via scampo. La comunità si strinse intorno al suo pastore, prendendosi cura di lui giorno e notte nell’angusta casa parrocchiale di pochi metri quadrati dove viveva Don Agostino.

Accettò il suo calvario nel totale abbandono della volontà di Dio e senza risparmiarsi sopratutto in occasione dei solenni festeggiamenti del Bicentenario della proclamazione della Madonna della Neve a protettrice di Ponticelli.     

“Arrivederci…”

Nell’ottobre del 1988, nel suo testamento spirituale scriveva: «Mi sono sentito legato alla comunità parrocchiale nella quale ho speso la maggior parte del mio ministero. Ho dato e ricevuto tanto, ho amato alla mia maniera e sono stato ricambiato al centuplo. Le premure usatami nella mia malattia ne sono la prova. Arrivederci alla comunione definitiva con il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo, stretti alla Mamma Celeste, “la Madonna della Neve”».

Don Agostino Cozzolino chiudeva così la sua laboriosa vita terrena la sera del 2 novembre 1988, a soli 60 anni.

Leggi anche: Don Pino Puglisi, un beato fatto a pezzi?

Servo di Dio

Una settimana dopo la morte, in diocesi, si pensò ad avviare la Causa di beatificazione per far conoscere le virtù straordinarie di questo uomo. Subito dopo è iniziato il processo diocesano.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.