Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Macron corregge la mancanza di rispetto di un adolescente

Capture @BFMTV video - Twitter - Fair use
Condividi

Il Presidente francese dà una lezione di autorità a uno studente che assisteva a un atto ufficiale: “Mi chiami Presidente o signore”

Un giorno ti fanno uno scherzo, un altro ti mettono in ridicolo e un altro ancora varie persone ridono di te davanti a tutti gli allievi della classe. I professori sanno bene di cosa parlo. È brutto, molto. Ti senti piccolo, sminuito, ridicolo… Ti viene voglia di andar via da quella classe… Ma sei il professore!

Il Presidente francese ha appena vissuto una situazione simile. “Come va, Manu?”, gli ha chiesto l’insolente della classe mentre Emmanuel Macron gli stringeva la mano e salutava il pubblico presente a un atto commemorativo della II Guerra Mondiale a Mont Valérien, a ovest di Parigi.

Leggi anche: Emmanuel Macron sarà protocanonico d’onore di San Giovanni in Laterano

La reazione del Presidente francese circola ora sulle reti sociali grazie a un video diventato virale che raccoglie la sua risposta decisa:

“Sei a una cerimonia ufficiale, e quindi comportati come si deve. Puoi fare lo sciocco, ma oggi bisogna cantare la Marsigliese e il Canto dei Partigiani [inno della Resistenza francese durante l’occupazione tedesca]. Mi chiami signor Presidente della Repubblica o signore, va bene?”

In quel momento lo sguardo dell’adolescente è cambiato e ha risposto solo: “Sì, signor Presidente”.

Addio all’insolente della classe, che in seguito ha ricevuto un’altra lezione forte dal “signor Presidente”.

Leggi anche: Emmanuel Macron a sorpresa: cattolici, tornate a impegnarvi in politica

“Molto bene, e fai le cose con ordine. Il giorno in cui vorrai fare la rivoluzione impara prima ad avere un diploma e ad avere di che vivere, va bene? Allora potrai andare a dare lezioni agli altri”, ha proseguito Macron.

Il ragazzo, che sarà sicuramente abituato ad avere sempre l’ultima parola, è rimasto in silenzio, e il Presidente ha continuato a salutare il pubblico.

Questa lezione di Emmanuel Macron ci porta a riflettere sull’importanza dell’educazione al rispetto, alla disciplina e all’autorità. I nostri adolescenti hanno bisogno di referenti forti che trasmettano i valori su cui si basa la costruzione di un mondo migliore.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni