Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Perché Papa Francesco è andato in Svizzera adesso?

POPE FRANCIS VISIT SWITZERLAND
PETER KLAUNZER / POOL / AFP
Condividi

Per parlare al Consiglio Ecumenico delle Chiese con un obiettivo preciso. Ecco cosa ha detto il papa

L’evento del 21 giugno è diverso: tutto è incentrato sulla preghiera ecumenica e sul lavoro sempre in divenire per l’unità fra comunità cristiane.

“Una grande impresa in perdita”

L’occasione per il Papa è propizia per ricordare come «l’ecumenismo – appunto il complesso di progetti e sforzi per l’unità dei cristiani – sia una grande impresa in perdita». Se non segue la via dello Spirito, l’uomo e il cristiano, prova «a realizzarsi inseguendo la via del possesso, la logica dell’egoismo, secondo cui l’uomo cerca di accaparrare qui e ora tutto ciò che gli va. Non si lascia accompagnare docilmente dove Dio indica, ma persegue la propria rotta» (La Repubblica, 21 giugno).

Quel monito nel 2015

Un pellegrinaggio per riflettere dunque non solo sui passi compiuti ma per indicare come guardare avanti nel progredire verso l’unità portando le Chiese più vicine l’una all’altra, «come fossimo già uno», camminando, pregando e lavorando insieme, che è la strada dell’unita. Nel 2015, in occasione del 50° anniversario del gruppo di lavoro congiunto tra la la Chiesa cattolica e il World Council of Chuches celebrato a Roma, il Papa aveva già incoraggiato nel suo messaggio la Chiesa cattolica e il Consiglio ecumenico a promuovere modi in cui i cristiani possano svolgere insieme la missione, testimoniare insieme la comunione reale, sebbene imperfetta, alla quale partecipano tutti i battezzati

Francesco è il terzo Papa a far visita al Wcc, dopo Paolo VI (10 giugno 1969) e Giovanni Paolo II (15 giugno 1982).

Egoismo e “via del possesso”

Il Papa nella visita odierna a Ginevra si è soffermato sopratutto sul «cammino» che ogni cristiano ha il dovere di compiere nella sua vita.

Citando san Paolo, il Papa ha sottolineato proprio l’alternativa inconciliabile della vita cristiana: «Da una parte camminare secondo lo Spirito, seguendo il tracciato inaugurato dal Battesimo; dall’altra “soddisfare il desiderio della carne”».

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.