Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 03 Agosto |
Sant'Aspreno
home iconStile di vita
line break icon

Cosa dire a un bambino che colleziona brutti voti?

KID TEST RESULTS

VGstockstudio I Shutterstock

Mathilde De Robien - pubblicato il 21/06/18

Vostro figlio è stato sospeso, che fare?

Non è facile mantenere la calma e non preoccuparsi quando un figlio o una figlia porta brutti voti a casa. Mantenere il sangue freddo è tuttavia il modo più efficace per aiutarlo e fargli ripristinare la fiducia in se stesso.

Non tutti i bambini reagiscono allo stesso modo quando devono presentare dei brutti voti ai genitori. Ci sono quelli che sembrano confusi ma in realtà hanno un’opinione propria che tacciono, quelli per i quali sembra che sia tutto uguale ma in realtà sono offesi o delusi, quelli per i quali è davvero tutto uguale, quelli che si arrabbiano con se stessi…

Comunque sia, a volte è difficile per i genitori separare la verità dalla menzogna e sapere quali emozioni sta vivendo il figlio.

Quest’opera di discernimento è necessaria per potersi collegare al bambino o alla bambina, accompagnarlo/a in ciò che sta vivendo e trovare le frasi e i comportamenti adeguati tra autorità e consolazione.

Prima di cercare una soluzione, bisogna spiegare la questione. Per questo, la psicologa e psicoterapeuta Bernadette Lemoine suggerisce di iniziare così la conversazione nel suo libro Petites phrases à leur dire pour les aider à grandir[Piccole frasi per aiutarli a crescere, ed. Albin Michel]:

  • “Vedo che sei triste/deluso/arrabbiato…”
  • “Vedo che non ti importa di prendere brutti voti…”

Un altro punto di discernimento sarà la ricerca delle cause:

  • Qual è il motivo di questi brutti risultati?
  • Sono dovuti a una mancanza di lavoro e impegno o a difficoltà reali? Nel primo caso bisogna reagire con autorità e spiegare la necessità di sforzarsi. Chiedete a vostro figlio se ha lavorato abbastanza e se ha dato davvero il meglio di sé.

Cercare soluzioni con il bambino

In seguito bisognerebbe cercare soluzioni e mostrarsi disposti ad aiutarlo con frasi come:

  • “Possiamo lavorare insieme per migliorare questa situazione?”
  • “Vediamo come potresti fare meglio”
  • “Cosa decidi di fare per migliorare la prossima volta?”

Coinvolgere il bambino nella ricerca di soluzioni, accompagnarlo, concentrarsi su un aspetto specifico da migliorare lo aiuterà a progredire e a misurare i suoi sforzi.

  • 1
  • 2
Tags:
bambiniscuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
2
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
5
MAN, ALZEHIMER, WOMAN
ACI Digital
Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheim...
6
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
7
Gelsomino Del Guercio
Paolo Palumbo: la Sla non lo piega. Ora è un “eroe” su Facebook (...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni